17 Dicembre 2017, 12:41

Il TAR condanna il comune di Favara. L'opposizione del vicino non legittima il diniego di accesso

di: Redazione
Immagine relativa alla notizia: Il TAR condanna il comune di Favara. L'opposizione del vicino non legittima il diniego di accesso

Il sig. G.S. Di 71 anni di Favara, proprietario di un fondo sito in Favara, aveva presentato una rituale richiesta di concessione edilizia per la realizzazione di un fabbricato per civile abitazione; ma l'Amministrazione rigettava tale richiesta anche in considerazione della sussistenza di un immobile limitrofo, edificato dal vicino ed oggetto di una  concessione edilizia in sanatoria.

Il sig. G.S. Presentava allora una richiesta di accesso alla concessione edilizia in sanatoria rilasciata al vicino, ai sensi della legge sulla cd. " trasparenza amministrativa", ma il vicino si opponeva a tale richiesta, ed il Comune si adeguava a tale opposizione, denegando l'accesso richiesto.

Il sig. G.S. Proponeva allora un ricorso davanti al TAR Sicilia, con il patrocinio dagli avvocati Girolamo Rubino e Santo Botta, chiedendo l'emanazione di un ordine di esibizione nei confronti del Comune di Favara, con declaratoria di illegittimita' del diniego di accesso; in particolare gli avvocati Rubino e Botta hanno citato un precedente giurisprudenziale del Consiglio di Stato secondo cui al proprietario del fondo vicino a quello sul quale sono state realizzate nuove opere spetta il diritto di accesso a tutti gli atti abilitativi edilizi quando faccia valere l'interesse ad accertare il rispetto della previsioni urbanistiche.

Il TAR Sicilia,Palermo, Sezione Terza, Presidente il Dr. Calogero Ferlisi, Relatore la Dr.ssa Lucia Maria Brancatelli, ritenendo fondate le censure formulate dagli avvocati Rubino e Botta, ha accolto il ricorso, dichiarando illegittimo il diniego opposto dal Comune di Favara con esclusivi riferimento all'opposizione all'estensione degli atti formulata dal vicino, ordinando al Comune di Favara di esibire i documenti oggetto dell'istanza entro il termine di dieci giorni, e condannando il Comune di Favara anche al pagamento delle spese di giudizio, liquidate in euro mille, oltre accessori.
Laddove il Comune di Favara non rilascerà' al ricorrente gli atti richiesti nel termine assegnato il ricorrente potra' richiedere al TAR la nomina di un commissario ad acta che intervenga in via sostitutiva.

Piace a:

Commenti

L'invio dei commenti avverrà esclusivamente attraverso l'utilizzo di Facebook. La pubblicazione di un commento su facebook comporterà anche la pubblicazione dello stesso nel sito. Se l'utente non vuole che ciò che si verifichi occorrerà eliminare il flag nella barra "Pubblica su facebook". Inviando questo commento dichiari di aver preso visione e di accettare i termini e condizioni di utilizzo di questo sito. La redazione è esonerata da ogni responsabilità.

Condividi

Immagini

Tribunale - Aula di giustizia
Incentivi Sicilia