26 Luglio 2017, 12:35

Progetto “Club Bleu Artisanale": favorire la nascita di nuove attività per pescatori tunisini e siciliani nel rispetto delle risorse ambientali condivise

di: Santina Matalone
Immagine relativa alla notizia: Progetto “Club Bleu Artisanale": favorire la nascita di nuove attività per pescatori tunisini e siciliani nel rispetto delle risorse ambientali condivise

Questa mattina, presso la sede dell’istituto Iamc-Cnr di Capo Granitola, si è svolta la seconda giornata di incontri nell’ambito del progetto  “Création d’un club transfrontalier pour la promotion des produits de la pêche artisanale- Club Bleu Artisanale”, finanziato nell’ambito del Programma di cooperazione trasfrontaliera Italia Tunisia, cofinanziato dall’Unione Europea. Il progetto, che durerà 18 mesi,  prevede la creazione di un marchio di qualità, “Club bleu artisanal”, e lo sviluppo socieconomico e l’integrazione dei territori attraverso un’azione congiunta finalizzata allo sviluppo, qualificazione e integrazione della filiera della pesca artigianale e del turismo in Italia e Tunisia. In questa attività la Camera di Commercio di Trapani, in qualità di capofila, sarà affiancata in Sicilia dal Distretto Produttivo della Pesca-Cosvap e in Tunisia dall’Istituto Superiore della Pesca e dell’Acquacultura, dalla Direzione Generale della  Pesca e dell’Acquacultura e dalla Federazione alberghiera di Tunisi e Bizerta. Il progetto coinvolgerà i pescatori di Mazara del Vallo, in Sicilia, e di Sidi Mechreg, in Tunisia, oltre che albergatori e ristoratori di Trapani e Bizerta. Dopo aver ringraziato il dottor Mario Sprovieri, direttore della sede dell’Istituto Iamc-Cnr, per l’accoglienza presso l’avveniristica sede di Capo Granitola, il Presidente del Distretto della Pesca, Giovanni Tumbiolo ha dichiarato: “diamo il benvenuto ai nostri ospiti della Tunisia ed al presidente della Camera di Commercio, Giuseppe Pace, il quale è sempre impegnato in attività che mirano a far crescere il nostro territorio guardando al Mediterraneo. Ci sono tutti gli ingredienti affinché i pescatori siciliani e tunisini possano trarre beneficio da questo progetto. L’obiettivo finale è quello creare cinque nuove attività in Sicilia ed in Tunisia di ittiturismo e pescaturismo, attività che siano fondate sul rispetto e sulla salvaguardia delle risorse condivise secondo i principi della blue economy”. Tumbiolo, rivolgendosi al Direttore Generale della Pesca e dell’Acquacoltura, Ms. Hassam Hamza, al Direttore dell’Istituto Superiore della Pesca e dell’Acquacultura, Ms. Jamel Ksouri, ed al Direttore della Federazione alberghiera di Tunisi, Ms. Moez Boudali, ha sottolineato: “il nostro compito è di coniugare le forze per superare le difficoltà burocratiche, confidiamo pertanto nella Camera di Commercio di Trapani. Faremo ognuno la nostra parte concretizzando le attività, allora avremo reso un buon servizio al popolo siciliano e tunisino”

Piace a:

Commenti

L'invio dei commenti avverrà esclusivamente attraverso l'utilizzo di Facebook. La pubblicazione di un commento su facebook comporterà anche la pubblicazione dello stesso nel sito. Se l'utente non vuole che ciò che si verifichi occorrerà eliminare il flag nella barra "Pubblica su facebook". Inviando questo commento dichiari di aver preso visione e di accettare i termini e condizioni di utilizzo di questo sito. La redazione è esonerata da ogni responsabilità.

Condividi

Immagini

tumbiolo
Valeria PalmeriIncentivi Sicilia