26 Luglio 2017, 00:34

Porto Empedocle. 3 giovani si schiantano contro un muretto. I soccorritori vengono presi a schiaffi dai parenti

di: Redazione
Immagine relativa alla notizia: Porto Empedocle. 3 giovani si schiantano contro un muretto. I soccorritori vengono presi a schiaffi dai parenti

Sono profondamente addolorato. A Carmelo Buscaglia e Daniele Scozzari, i nostri due soccorritori aggrediti a Porto Empedocle durante l'adempimento del proprio dovere, va la solidarietà mia personale e di tutta la Seus”. Lo afferma Gaetano Montalbano, presidente del Consiglio di gestione dell'azienda consortile cogestore del servizio 118 di emergenza-urgenza in Sicilia, commentando quanto accaduto nella notte tra il 24 e il 25 dicembre durante un soccorso nel Comune in provincia di Agrigento. In seguito ad un incidente stradale con conseguente ferimento di tre giovani a bordo di un'automobile schiantatasi contro un muretto, erano giunte sul posto due ambulanze del 118 con i relativi equipaggi. Tuttavia, l'imprevisto: alcuni parenti o conoscenti dei ragazzi sono saliti in massa a bordo di un'ambulanza (codice Alfa 2, proveniente da San Leone), disturbando quindi il regolare e corretto svolgimento del soccorso, e successivamente hanno reagito violentemente all'invito a scendere dall'automezzo. “Ci hanno aggrediti con pugni, schiaffi e calci”, racconta uno dei due operatori del 118, successivamente medicati in ospedale. “Nonostante l'aggressione, i nostri soccorritori hanno ugualmente portato a termine con successo l'intervento, dimostrando per l'ennesima volta la grande professionalità di tutti gli operatori dell'ermergenza- urgenza siciliana”, sottolinea il presidente Montalbano, aggiungendo: “Purtroppo non è la prima volta che gli autisti- soccorritori della Seus sono impunemente presi come bersaglio e feriti, fisicamente e moralmente, da soggetti, spesso gli stessi parenti degli infortunati, del tutto privi della conoscenza e del rispetto delle regole del vivere civile. Siamo pronti a costituirci parte civile contro gli autori di questa vile aggressione ed a difendere in ogni sede i nostri operatori”.

Piace a:

Commenti

L'invio dei commenti avverrà esclusivamente attraverso l'utilizzo di Facebook. La pubblicazione di un commento su facebook comporterà anche la pubblicazione dello stesso nel sito. Se l'utente non vuole che ciò che si verifichi occorrerà eliminare il flag nella barra "Pubblica su facebook". Inviando questo commento dichiari di aver preso visione e di accettare i termini e condizioni di utilizzo di questo sito. La redazione è esonerata da ogni responsabilità.

Condividi

Immagini

Ambulanza
Incentivi SiciliaValeria Palmeri