23 Aprile 2017, 11:54

L'Ingv avverte: "Nuovamente attiva la faglia che provocò il terremoto nel Belice nel '68"

di: Redazione (Fonte: gds.it)
Immagine relativa alla notizia: L'Ingv avverte: "Nuovamente attiva la faglia che provocò il terremoto nel Belice nel '68"

È di nuovo attiva la faglia che ha provocato il disastroso terremoto con centinaia di morti nel gennaio 1968 nel Belice. È la stessa faglia «responsabile» di altri terremoti che nell'antichità hanno colpito l'area di Selinunte. Lo hanno accertato ricercatori dell'Ingv (Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia) di Catania e delle università di Palermo, Catania e Napoli. I risultati delle loro indagini sono ora riportate sul «Journal of Geodynamics», rivista internazionale di geodinamica.

La ricerca si fonda sull'analisi di immagini satellitari e dati geodetici che rivelano l'esistenza di un segmento di faglia attiva da Campobello di Mazara a Castelvetrano. «Questa faglia - sottolineano i ricercatori - mostra evidenti segni di movimenti recenti legati a effetti co-sismici o a lente deformazioni legate a fenomeni di scorrimento».

La traccia della faglia è stata seguita anche nella sua prosecuzione a mare. Secondo Mario Mattia dell'Ingv di Catania, «l'evidenza sia geodetica che geologica di questo tratto di faglia attiva rappresenta l'espressione di una compressione che interessa in modo critico questo settore della Sicilia».

Piace a:

Commenti

L'invio dei commenti avverrà esclusivamente attraverso l'utilizzo di Facebook. La pubblicazione di un commento su facebook comporterà anche la pubblicazione dello stesso nel sito. Se l'utente non vuole che ciò che si verifichi occorrerà eliminare il flag nella barra "Pubblica su facebook". Inviando questo commento dichiari di aver preso visione e di accettare i termini e condizioni di utilizzo di questo sito. La redazione è esonerata da ogni responsabilità.

Condividi

Immagini

terremoto belice
Incentivi SiciliaValeria Palmeri