1 Maggio 2017, 02:26

Partanna. Fermati 4 giovani autori di furti di rame nel belicino

di: Redazione
Immagine di repertorio
Immagine di repertorio

Una fruttuosa operazione di contrasto alla repressione di reati contro il patrimonio avvenuti nella giurisdizione di Partanna si è conclusa nella scorsa notte dai Carabinieri di Partanna. Infatti, a seguito di complesse ed articolate attività di indagini intraprese successivamente ad una serie di furti perpetrati nella città di Partanna e zone limitrofe sono stati fermati quattro ragazzi. Si tratta di giovani di Partanna, due minorenni  (I.S e M.S. entrambi diciasettenni) e di due maggiorenni (L. P. R. S. e I. R. rispettivamente di 21 e 25 anni).

Recuperati circa 60 Kg di rame che i giovani avrebbero prelevato da due trasformatori elettrici presenti nella cantina sociale “Saturnia”. L'identificazione è stata possibile attraverso una costante attività preventiva, messa in atto dai militari della Stazione di Partanna, coordinati dal Comandante Luogotenente Fabio Proietti nell’ambito di una serie di servizi finalizzati alo contrasto dei reati predatori posti in essere dalla Compagnia Carabinieri di Castelvetrano.

Infatti una più incisiva attività di prevenzione svolta con l’espletamento di numerosi servizi di prevenzione ed osservazione condotta in particolare nelle ore notturne, hanno permesso di porre fine ai numerosi furti verificatisi nelle scorse settimane e che vedevano coinvolte le zone periferiche e centrali del paese “belicino”.

Il colpo, preventivamente progettato da tali soggetti, veniva scoperto grazie al tempestivo intervento di militari di questa Stazione che si accorgevano di un’autovettura sospetta parcheggiata nei pressi della cantina sociale “Saturnia” e della presenza della rete di recinzione tagliata. I due militari una volta vicini alla cantina udivano forti rumori provenire dall’interno dello stabile.

Attesi i rinforzi e entrati nello stabile scoprivano in flagranza di reato i quattro soggetti intenti a smontare delle bobine di rame presenti all’interno di un trasformatore elettrico.

I ladri avevano inoltre già smontato altre bobine di rame da un altro trasformatore, presente nello stabile, e le avevano adagiate nei pressi della rete di recinzione, vicino all’autovettura, pronte per essere caricate e trasportate via. Le competenti AG disponevano, per i minorenni la traduzione presso la casa di prima accoglienza “Malaspina” di Palermo, mentre per i due maggiorenni veniva disposta la detenzione domiciliare.

Il Tribunale per i minorenni di Palermo, convalidato l’arresto, disponeva la permanenza notturna in casa per i minori e per i maggiorenni, invece, il Gip di Sciacca convalidava l’arresto e disponeva per entrambi l’obbligo di non uscire di casa prima delle 07,30 e non rientrarvi oltre le ore 21,00.

Immagine di Repertorio

Piace a:

Commenti

L'invio dei commenti avverrà esclusivamente attraverso l'utilizzo di Facebook. La pubblicazione di un commento su facebook comporterà anche la pubblicazione dello stesso nel sito. Se l'utente non vuole che ciò che si verifichi occorrerà eliminare il flag nella barra "Pubblica su facebook". Inviando questo commento dichiari di aver preso visione e di accettare i termini e condizioni di utilizzo di questo sito. La redazione è esonerata da ogni responsabilità.

Condividi

Immagini

Immagine di repertorio
Incentivi SiciliaValeria Palmeri