23 Gennaio 2017, 05:30

Ribera. Denunciato minore per maltrattamenti in famiglia aggravati, tentata estorsione aggravata, furto e danneggiamento. Trasferito in comunità

di: Santina Matalone
Foto: cronachemaceratesi.it Immagine relativa alla notizia: Ribera. Denunciato minore per maltrattamenti in famiglia aggravati, tentata estorsione aggravata, furto e danneggiamento. Trasferito in comunità

La tenenza dei carabinieri di Ribera, in collaborazione con la Stazione di Sciacca, ha eseguito nella giornata di ieri un’ordinanza di collocamento cautelare in comunità, nei confronti di un minorenne pregiudicato residente a Calamonaci. La vicenda nasce dalla querela della madre del minore, presentata a Ribera nei giorni scors, la donnai esausta e fisicamente provata dai comportamenti del figlio, che già dal 2014 con minacce, violenze sia fisiche che psicologiche e condotte estorsive, pretendeva soldi per procurarsi sostanza stupefacente.

L'atteggiamento del figlio nell’arco del tempo si è aggravato, tanto che il giovane infatti, in varie occasioni, rubava non solo alla donna, ma anche al nonno materno, danneggiando e rompendo mobili, porte e suppellettili  vari quando questo non otteneva quanto richiesto, e non poteva quindi di rifornirsi della sostanza stupefacente. Inutile la terapia intrapresa dal minore, presso il Ser.T di Ribera, a cui la madre si era rivolta. Il giovane infatti dal mese di luglio interrompeva il suddetto trattamento, non variando i suoi comportamenti, anzi ampliando  le sue condotte violente anche nei confronti del fratello più piccolo. E’ cosi che la madre esausta ed impaurita dai comportamenti sempre più violenti del figlio nei confronti di tutti i familiari, ha deciso di denunciare il tutto ai militari dell’Arma. I Carabinieri, dopo aver ascoltato la donna, sono intervenuti presso la casa della stessa, dove hanno proceduto ad una perquisizione locale e personale sul giovane ragazzo.

La perquisizione ha avuto esito positivo; nei pantaloni del ragazzo infatti sono stati rinvenuti, all’interno di un sacchetto di cellophane quasi 50g di hashish, un coltellino serramanico utilizzato per dividere la sostanza, una collana con crocefisso pendente in oro, sottratta alla madre. All’interno della stanza da letto del minore inoltre, è stato trovato un bilancino di precisione utilizzato per pesare la sostanza e 40 euro, probabilmente da poco rubati ai familiari e che verosimilmente il giovane avrebbe utilizzato per rifornirsi della sostanza stupefacente.

I militari della Tenenza di Ribera, hanno denunciato il ragazzo per maltrattamenti in famiglia aggravati, tentata estorsione aggravata, furto e danneggiamento. Il G.I.P. del Tribunale per i minorenni di Palermo ha emesso, su richiesta della Procura della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni di Palermo l’ordinanza di collocamento cautelare in comunità. Ieri il ragazzo è stato accompagnato dai militari, presso  la comunità “Santa Maria della Strada” di Messina. 

Piace a:

Commenti

L'invio dei commenti avverrà esclusivamente attraverso l'utilizzo di Facebook. La pubblicazione di un commento su facebook comporterà anche la pubblicazione dello stesso nel sito. Se l'utente non vuole che ciò che si verifichi occorrerà eliminare il flag nella barra "Pubblica su facebook". Inviando questo commento dichiari di aver preso visione e di accettare i termini e condizioni di utilizzo di questo sito. La redazione è esonerata da ogni responsabilità.

Condividi

Immagini

Arresto Carabinieri
Proposte d'arredoIncentivi Sicilia