25 Gennaio 2017, 00:15

Santa Margherita. Sequestrati 930kg di prodotti ittici di dubbia provenienza

di: Redazione
Immagine relativa alla notizia: Santa Margherita. Sequestrati 930kg di prodotti ittici di dubbia provenienza

La Capitaneria di Porto di Porto Empedocle e dell’Ufficio Circondariale Marittimo di Sciacca hanno ritirato dal commercio 930kg di prodotti ittici di vario genere e di dubbia provenienza da un’attività commerciale di rivendita all’ingrosso e dettaglio di prodotti ittici di Santa Mergherita di Belìce. Dal controllo, inserito in una più ampia operazione complessa di vigilanza pesca mirata a verificare in particolare il rispetto delle norme che disciplinano l’intera filiera della pesca, dalla cattura alla vendita al dettaglio, al fine di tutelare il consumatore finale, è emerso che la titolare della ditta si è resa responsabile della violazione delle norme che disciplinano la rintracciabilità dei prodotti ittici detenuti ai fini della vendita, in quanto non è stato possibile attestare la provenienza.

Tali prodotti, conservati in colli non etichettati, erano sprovvisti di idonea documentazione contenente l’obbligatoria informazione al consumatore finale circa la zona e il metodo di cattura, lo stato di conservazione del prodotto (fresco, congelato, decongelato,…), nonché la possibilità di rintracciare i lotti di prodotto ittico ai fini di tutela della salute pubblica nel caso di eventuali situazioni pregiudizievoli che non garantiscono la sicurezza alimentare. Pertanto, sono state contestate le violazioni di cui all’art. 10 del decreto legislativo n. 4/2012 (rintracciabilità prodotto ittico) e art. 35 del regolamento comunitario n. 1379/2013 (etichettatura del prodotto al dettaglio), punite ai sensi degli articoli 11 e 12 del citato decreto legislativo con il pagamento complessivo della somma di € 3.000 e la confisca dell’intera quantità dei prodotti ittici sequestrati per la successiva distruzione a cura del contravventore secondo la normativa vigente.

Piace a:

Commenti

L'invio dei commenti avverrà esclusivamente attraverso l'utilizzo di Facebook. La pubblicazione di un commento su facebook comporterà anche la pubblicazione dello stesso nel sito. Se l'utente non vuole che ciò che si verifichi occorrerà eliminare il flag nella barra "Pubblica su facebook". Inviando questo commento dichiari di aver preso visione e di accettare i termini e condizioni di utilizzo di questo sito. La redazione è esonerata da ogni responsabilità.

Condividi

Immagini

Pesce sequestrato
Incentivi SiciliaProposte d'arredo