Intervista al Direttore Vigili del Fuoco Sicilia dopo l’iniziativa "Pompieropoli" svoltasi a Salaparuta: "Fondamentale la diffusione della cultura della sicurezza"

Immagine articolo: Intervista al Direttore Vigili del Fuoco Sicilia dopo l’iniziativa “Pompieropoli“ svoltasi a Salaparuta: “Fondamentale la diffusione della cultura della sicurezza“

L’ingegnere Gaetano Vallefuoco è il direttore Vigili del Fuoco Sicilia. Nei giorni scorsi ha partecipato all’iniziativa "Pompieropoli" svoltasi a Salaparuta nell’ambito delle manifestazioni programmate per il 52° Anniversario del terremoto del gennaio 1968. La manifestazione, che visto la partecipazione di quasi 250 alunni delle scuole elementari e medie, è stata l'occasione per una breve intervista. 

Direttore, quanto è importante per la prevenzione diffondere la cultura della sicurezza nelle scuole e in altri enti?

La diffusione della cultura della sicurezza, specialmente in età scolare, è  fondamentale per garantire un comportamento efficace in caso di emergenza sia per se stessi che per le persone a noi vicine”.

Una ragione su tutte perché tra le nuove generazioni molti decidano di diventare pompieri?

“Se devo indicarle una ragione su tutte, credo che il Vigile del Fuoco sia un lavoro che in molte occasioni ti permette di poter essere davvero soddisfatto, talvolta addirittura felice, per ciò che hai appena fatto durante il servizio”.

Come giudica il rapporto che si è instaurato negli ultimi anni tra alcuni comuni del Belice, come Poggioreale e adesso Salaparuta, ed il Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco?

“Il rapporto che si è instaurato è semplicemente eccezionale, anzi mi corre l’obbligo di dire che da quello istituzionale che si aveva all’inizio si è giunti nel tempo ad un rapporto di vera amicizia e stima, come con il Sindaco di Poggioreale Girolamo Cangelosi, ancora purtroppo non rientrato in servizio dopo il grave incidente automobilistico avuto lo scorso mese di Ottobre. Poggioreale è divenuta famosa in tutto il mondo, in ambito Protezione Civile e Vigili del Fuoco, grazie alle attività internazionali che il Corpo Nazionale ha lì svolto a partire dal 2016, 3 esercitazioni e 6 corsi, che hanno visto la presenza di centinaia di soccorritori provenienti non solo dall’Europa, ma anche da Africa, Sud America ed Asia. L’eccellente risultato di tali attività non sarebbe stato possibile senza la profonda sinergia instauratasi con le Amministrazioni comunali. Mi preme, infine, sottolineare, in una giornata come questa, nella quale si è commemorato il 52°  anniversario del terremoto del Belice, come il modo migliore per ricordare le vittime del 1968 sia proprio quello di addestrare in questi luoghi i soccorritori di tutto il mondo a salvare in futuro vite umane coinvolte nella medesima tragedia”.

RATING

COMMENTI

Condividi su

Belicenews su Facebook
ARGOMENTI RECENTI
ABOUT

Il presente sito, pubblicato all'indirizzo www.belicenews.it è soggetto ad aggiornamenti non periodici e non rientra nella categoria del prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare come stabilito dalla Legge 7 marzo 2001, n. 62 Informazioni legali e condizioni di utilizzo.
P.IVA: IT02492730813
Informazioni legali e condizioni di utilizzo - Per le tue segnalazioni, pubblicità e richieste contatta la Redazione al telefono +39 330 852963 Privacy
credits: mblabs.net

Torna SU