S. Margherita, rimonta la protesta del mondo agricolo del Belice

Immagine articolo: S. Margherita, rimonta la protesta del mondo agricolo del Belice

Rimonta la protesta degli agricoltori del Belìce. Appuntamento della contestazione nei pressi del bivio di contrada Gulfa. A protestare nei confronti della crisi che il comparto agricolo soffre, sono agricoltori ed imprenditori agricoli dei paesi limitrofi. Assiemme a loro anche il mondo zootecnico. 

Si sono dati appuntamento con i trattori sin dalle prime ore dell'alba al bivio Gulfa.  “La protesta intende porre all’attenzione dei parlamentari regionali e nazionali e dei media, la pesante crisi agricola in cui versano tutti i comparti della nostra agricoltura”, spiega Gaspare La Marca, delegato del Movimento Spontaneo. Una protesta che non è nuova nel Belìce. 

Nel maggio scorso furono con i trattori davanti i sodalizzi di piazza Matteotti. Nel novembre 2009 culminò con la “marcia dei trattori su Roma” che proseguì fino al febbraio 2010. Allora rappresentante della politica regionale era l'assessore alle Risorse agricole, Titti Bufardeci, mentre ministro delle politiche agricole era Luca Zaia. Sono passati dieci anni e la situazione si è aggravata. 

“L'agricoltura vive un momento molto delicato e difficile. Chi vive dei frutti della propria terra chiede misure adeguate per contrastare lo strapotere delle multinazionali e della grande distribuzione organizzata che ha messo in ginocchio il comparto primario perché prodotti di qualità vengono venduti a prezzi sotto-costo”. 

“Produrre un quintale di uva, tipo il catarrato, a noi costa circa 25 euro, mentre ricaviamo dal conferimento appena 24 euro. Una produzione già in perdita” dice Peppino Infantino esperto del settore agricolo. Non va bene anche nel comparto cerealicolo. “Per produrre 10 kg di grano l’agricoltore spende circa 2,20 euro e nella vendita ne ricava 1,80 euro, mentre il consumatore finale spende per l’acquisto di pane, per lo stesso peso, oltre 25 euro” a dirlo è Melchiorre Ferraro che fa un esempio eclatante: “Per un caffe servono 90 centesimi di euro, che volendolo pagare in natura, visto il prezzo del grano dovrei consegnare al barista ben 4 kg di grano. Un’assurdità, considerato che con tale quantitativo di grano, trasformato in farina potrei dare da mangiare per due giorni una famiglia di quattro persone”.

A farla da padrone sono le industrie di trasformazione e la grande distribuzione. Secondo i dati ISTAT, attualmente, per ogni euro di spesa 60 centesimi vanno alla grande distribuzione, 23 all’industria di trasformazione e solo 17 centesimi agli agricoltori, quando solo 20 anni fa tale distribuzione era equa (un terzo, un terzo, un terzo).

RATING

COMMENTI

Condividi su

Belicenews su Facebook
ARGOMENTI RECENTI
ABOUT

Il presente sito, pubblicato all'indirizzo www.belicenews.it è soggetto ad aggiornamenti non periodici e non rientra nella categoria del prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare come stabilito dalla Legge 7 marzo 2001, n. 62 Informazioni legali e condizioni di utilizzo.
P.IVA: IT02492730813
Informazioni legali e condizioni di utilizzo - Per le tue segnalazioni, pubblicità e richieste contatta la Redazione al telefono +39 330 852963 Privacy
credits: mblabs.net

Torna SU