Settore turistico in crisi profonda. Oltre 150 operatori agrigentini a Musumeci: "Ci riceva prima che soccombiamo"

Immagine articolo: Settore turistico in crisi profonda. Oltre 150 operatori agrigentini a Musumeci: “Ci riceva prima che soccombiamo“
In videoconferenza oltre 150 operatori agrigentini del settore turistico-alberghiero e della ristorazione oggi hanno sottoscritto un documento inviato al  Presidente della Regione Musumeci, ai deputati ed ai sindaci della provincia di Agrigento.
 
Nella nota rappresentano una serie di problematiche ancora irrisolte e di cui si sollecità la criticità.
 
"Nonostante gli annunci, i proclami, le possibili soluzioni per fronteggiare una crisi senza precedenti, ritengono che le misure ad oggi adottate siano insufficienti" scrivono nella nota.
 
La lettera, che in appena 24 ore ha raccolto  le adesioni di oltre 150 operatori  evidenzia "come gli alberghi, i ristoranti, le pizzerie, i bar, i pub, i parchi acquatici e di divertimento, gli agriturismi, le pasticcerie, le rosticcerie, i B&B, case vacanze e tutte le attività annesse e connesse al macro settore turistico-ricettivo e dei servizi extralberghieri, rischiano seriamente la loro sopravvivenza".
 
In sostanza  gli operatori turistici auspicano "come in un momento del genere servono decisioni rapide, al di la di formalismi". Gli operatori chiedono un incontro per affrontare 5 punti principali:
 
1 -L’erogazione di un bonus a fondo perduto a “burocrazia zero” per il mantenimento della attività, finalizzato prioritariamente a sostenere il pagamento di utenze, canoni di locazione, ed altri costi di gestione
 
2 - La proroga fino al 31 Luglio del distacco di utenze essenziali, quale luce, gas ed acqua, con eventuale rateizzazione del debito complessivo fino a 10 rate mensili. Ad oggi la sospensione è limitata fino al 3 Maggio.
 
3- La concessione di una garanzia regionale sui mutui, da erogare tramite Irfis
o tramite i Comuni al fine di evitare cavilli burocratici ed accessiva discrezionalità delle banche.
 
4 - La riapertura delle attività in tempi ormai brevi, vista la curva epidemiologica dei contagi in Sicilia, con un trend che fa ben sperare, in assoluta condizione di normalità". Infatti gli operatori ritengono che misure restrittive delle modalità di somministrazione (dei posti a sedere, della disposizione delle sdraio, degli accessi in genere degli utenti) siano "assolutamente penalizzanti per le loro aziende, non consentendo di coprire i costi di produzione e di mantenere i livelli occupazionali richiesti.
 
5 - Interventi al fine di accelerare l’erogazione della Cassa integrazione
guadagni, che ad oggi in pochissimi casi è stata erogata, nonché una proroga della
misura ad almeno 13/15 settimane.
 
6 - Come già fatto per il comparto agricoltura e pesca, filiera agroalimentare ed agrituristica, lo stato di crisi va dichiarato espressamente anche per il settore turistico ricettivo e per quello dei servizi extra-alberghieri, prevedendo
sospensioni di pagamenti vari (rate mutui, contributi, imposte regionali) senza lasciare a banche o ad enti vari discrezionalità nella lettura delle norme, come sta accadendo per la normativa nazionale".
 
Aggiungono anche che "in alcuni casi può intervenire direttamente la Regione Sicilia, in altri casi il Governo regionale dovrebbe farsi portavoce presso quello nazionale".
 
"Tuttavia -gli operatori ritengono - che la Sicilia, per la curva epidemiologica dei contagi e per la fragilità del tessuto imprenditoriale, debba ripartire in condizioni di normalità, diversamente da altre regioni come la Lombardia".
 
"Si auspica infine che una delegazione venga urgentemente convocata entro e non oltre il 27 Aprile per trovare una soluzione alle problematiche esposte.
 
Ci piace infine evidenziare - conclude la lettera degli operatori del settore turistico della provincia di Agrigento che - nella consapevolezza che trenta minuti del Vostro mandato possano rappresentare la sopravvivenza o meno delle nostre aziende e dei relativi posti di lavoro, aspettiamo DOMANI DI ESSERE CONVOCATI. Conosciamo purtroppo i tempi della politica e DOPODOMANI POTREBBE ESSERE TARDI".

RATING

COMMENTI

Condividi su

Belicenews su Facebook
ARGOMENTI RECENTI
ABOUT

Il presente sito, pubblicato all'indirizzo www.belicenews.it è soggetto ad aggiornamenti non periodici e non rientra nella categoria del prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare come stabilito dalla Legge 7 marzo 2001, n. 62 Informazioni legali e condizioni di utilizzo.
P.IVA: IT02492730813
Informazioni legali e condizioni di utilizzo - Per le tue segnalazioni, pubblicità e richieste contatta la Redazione al telefono +39 330 852963 Privacy
credits: mblabs.net

Torna SU