Killfie: i selfie che uccidono tra imprudenze e voglia di esibirsi

Immagine articolo: Killfie: i selfie che uccidono tra imprudenze e voglia di esibirsi

In bilico su un precipizio; a tanti metri di altezza; sulle rotaie di un treno; tante sono le persone che mettono a repentaglio la propria vita rischiando di perderla solo per il gusto di immortalarsi in pose estreme.                                                                                 

Circa 170 persone l’anno perdono la vita nel tentativo di scattare selfie pericolosi e imprudenti. Un dato che coinvolge anche il nostro paese; un ragazzo di 20 anni è annegato nelle acque del lago di Como per scattare un selfie da brivido.  Ma cosa spinge i giovani (e non solo)  a compiere simili azioni? La ricerca del consenso sembra essere alla base di questo atteggiamento.                                Una volta scattata la foto, infatti, questa viene subito pubblicata sui canali social in attesa dei tanto agognati like e dei commenti dell’utenza.  Questa sembra essere la molla che spinge ad imprese folli. Istanti da cogliere per guadagnare celebrità nel web sufficienti a perdere la cosa più preziosa: la vita. 

E torniamo quindi a ragionare su quanto la situazione ci stia veramente sfuggendo di mano. Cosa si è disposti a fare per raccogliere i consensi degli altri ? Cosa porta un soggetto a spingersi così tanto oltre perdendo il senso della misura? Come è possibile che la nostra autostima possa realmente dipendere da tutto questo?  In un era in cui sembra difficile, per molti soggetti, pensare alla propria vita fuori dalle reti di condivisione, assistiamo alla perdita di due elementi importanti: consapevolezza e lucidità.  Quando si sceglie di rischiare così tanto per uno scatto “perfetto” non rimane che interrogarsi su una questione: “Può un like renderci davvero felici? Può un like migliorare la nostra autostima ? Può un like avere la meglio sulla nostra vita?”.                   

La risposta sembrerebbe ovvia, ma forse, così ovvia non è.   

Dott.ssa Fabrizia Modica

fabriziamodica@gmail.com

RATING

COMMENTI

Condividi su

Belicenews su Facebook
ARGOMENTI RECENTI
ABOUT

Il presente sito, pubblicato all'indirizzo www.belicenews.it è soggetto ad aggiornamenti non periodici e non rientra nella categoria del prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare come stabilito dalla Legge 7 marzo 2001, n. 62 Informazioni legali e condizioni di utilizzo.
P.IVA: IT02492730813
Informazioni legali e condizioni di utilizzo - I contenuti del presente sito appartengono all'Associazione Culturale L'Araba Fenice. Privacy
credits: mblabs.net

Torna SU