Shitstorm: la moda che rimbalza tra i social. Ecco di cosa si tratta e perchè spaventa sempre di più

Immagine articolo: Shitstorm: la moda che rimbalza tra i social. Ecco di cosa si tratta e perchè spaventa sempre di più

Sappiamo benissimo che social network e applicazioni di messaggistica come WhatsApp e Telegram sono strumenti ormai di uso abitudinario soprattutto tra i più giovani. Ma se da una parte si rivelano utili e presentano alcuni vantaggi, dall’altro, gli stessi vantaggi possono essere utilizzati in maniera pericolosa e patologica.

Uno dei modi preoccupanti di utilizzare questi mezzi è il cosiddetto Shitstorm (tempesta di escrementi). Con questo termine si indica il susseguirsi di critiche spietate nei confronti di un singolo soggetto o di un gruppo. Quello che preoccupa maggiormente è la facilità con cui i singoli soggetti si lasciano andare in commenti volgari e aggressivi sia nei confronti di gente comune che nei confronti di personalità note. È facile immaginare che tale facilità deriva dalla possibilità di esprimere la propria rabbia e la propria cattiveria senza “metterci la faccia”. La velocità con cui avviene tale evento impedisce spesso agli interessati di porre rimedio bloccando i commenti che via via si trasformano in una vera e propria ondata inarrestabile.   

In Italia tale pratica viene spesso associata al furto di gruppi, per farne poi tutto ciò che si vuole.  Lo scopo dello Shitstorm nei gruppi è quello “ripulire Facebook” da tutti quei gruppi catalogabili come inutili perché pieni di post sciocchi, foto stupide. Viene quindi clonato il profilo di uno degli amministratori di un gruppo attraverso le pratiche di social hacking, per entrare nell’account e prenderne il pieno controllo per potere pubblicare all’interno di esso commenti volgari, insulti razzisti o discriminanti.

Lo Shitstorm genera danni psicologici ai soggetti che ricevono ingiurie e offese provocando un’alterazione dell’integrità psichica, ansia, calo di autostima, disturbi del sonno soprattutto nei soggetti più fragili.

È importante, quindi, prevenire un evento di questo tipo tutelandosi e facendo attenzione a dare la possibilità di accedere ad un gruppo chiuso o ad un profilo privato. Bisogna quindi diffidare di profili di persone che non si conoscono dal vivo, di chi ha nomi particolarmente strani e contattare la polizia postale in caso di furto d’identità.

Dott.ssa Fabrizia Modica

fabriziamodica@gmail.com

RATING

COMMENTI

Condividi su

Belicenews su Facebook
ARGOMENTI RECENTI
ABOUT

Il presente sito, pubblicato all'indirizzo www.belicenews.it è soggetto ad aggiornamenti non periodici e non rientra nella categoria del prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare come stabilito dalla Legge 7 marzo 2001, n. 62 Informazioni legali e condizioni di utilizzo.
P.IVA: IT02492730813
Informazioni legali e condizioni di utilizzo - Per le tue segnalazioni, pubblicità e richieste contatta la Redazione al telefono +39 330 852963 Privacy
credits: mblabs.net