A Menfi un Avvocato georgiano che combatte la guerra in Ucraina. “Situazioni terribili. Tornerò sul campo per aiutare gli ucraini”

Immagine articolo: A Menfi un Avvocato georgiano che combatte la guerra in Ucraina. “Situazioni terribili. Tornerò sul campo per aiutare gli ucraini”

Ha quarantasei anni, fa l’avvocato ed è georgeano. Da un mese Roman Pharulava combatte in Ucraina per difendere i suoi ”fratelli”. E’ arrivato a Menfi con sua moglie Rusudan Galdava mercoledì sera e si sono occupati personalmente di far arrivare 34 persone che fuggono dalla guerra e che sono state affidate a famiglie di Menfi.

L’iniziativa, sostenuta e voluta fortemente da Lea Amella, fondatrice dell’associazione “Libellula”, è stata accolta con entusiasmo dal Sindaco Marilena Mauceri che, con l’aiuto prezioso di Amella, sono riusciti a dare un tetto a molte famiglie, delle quali si prenderanno cura.

Ci sono mamme con i loro piccoli, bambini orfani e ragazzini. Hanno tutti come tutori la coppia Roman e Rusudan. Un legame con Menfi, quello di Rusudan, dai tempi dell’ospitalità ai figli dei profughi di guerra georgiani.

Lei, infatti, fu affidata alla famiglia della fondatrice dell’associazione Lea Amella, con la quale non ha mai perso i contatti, anzi per lei è una seconda mamma. Adesso, suo marito dopo aver portato i giovani ucraini a Menfi, tornerà a combattere. “Mia nonna è ucraina - ha raccontato Roman - e ho tanti amici. Ho deciso momentaneamente di lasciare la toga per difendere questo popolo. Al nono giorno dall’inizio della guerra, sono subito andato sul posto, non posso dire il punto preciso dove tornerò per motivi di sicurezza.

Quello che ho visto con i miei occhi è terribile. Un massacro. Ragazzine violentate da soldati russi. Una in particolare mi è rimasta impressa e sono ancora sconvolto. Una dolce ragazzina è rimasta a soli 14 anni incinta dopo aver subito abusi da nove soldati. Non c’è nessuna fake news. E’ tutto vero. Io rimarrò in ucraina fin quando non finirà la guerra. Ho visto tanti amici morire.  Mia moglie tornerà in Georgia e mi sostiene. Quanta gente viene massacrata ogni giorno e dopo essere stati uccisi i loro corpi continuano ad essere martoriati dai carri armati guidati da sadici soldati russi. Atrocità assurde.

Cercherò di far arrivare tramite Lea Amella altri ragazzi, mogli, madri, bambini. Sono legato anch’io a Menfi e spero che troveremo altre famiglie disposte ad ospitarli”. C’è già una lista di altri 14 ragazzi e l’associazione “Libellula” fa sapere che attende famiglie pronte ad accoglierli.

Sono arrivati l’altro ieri sera, i 34 giovani ucraini che “Ovviamente non è un’adozione ma un’affidamento temporaneo - spiega Amella - di un anno, attualmente, che potrà protrarsi anche per un altro anno ancora”.

Amella, palermitana di origine, ma menfitana di adozione, costituiì, nel lontano ’95, l’Associazione “Libellula”, in seguito ad un progetto di legalità finalizzato all’accoglienza di bambini profughi di guerra da paesi extracomunitari.

L’associazione, dopo numerose richieste di aiuto provenienti dalla Georgia, il 25 febbraio del ’96 fece arrivare a Menfi 156 tra bambini ed accompagnatori, metà a famiglie di Palermo e metà a famiglie di Menfi.

RATING

COMMENTI

Condividi su

    Belicenews su Facebook
    ARGOMENTI RECENTI
    ABOUT

    Il presente sito, pubblicato all'indirizzo www.belicenews.it è soggetto ad aggiornamenti non periodici e non rientra nella categoria del prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare come stabilito dalla Legge 7 marzo 2001, n. 62 Informazioni legali e condizioni di utilizzo.
    P.IVA: IT02492730813
    Informazioni legali e condizioni di utilizzo - Per le tue segnalazioni, pubblicità e richieste contatta la Redazione al telefono +39 330 852963 Privacy
    credits: mblabs.net

    Torna SU