Da Menfi alla Svizzera quando la cucina è passione, impegno e legame tra nazioni diverse. Intervista allo Chef Filippo Mulè

Immagine articolo: Da Menfi alla Svizzera quando la cucina è passione, impegno e legame tra nazioni diverse. Intervista allo Chef Filippo Mulè

Promuovere la cucina italiana in Svizzera, difendendo l’amore per le tradizioni e mettendo in luce tutti quegli chef che, giorno dopo giorno con il loro lavoro, portano avanti la propria cultura enogastronomica al livello globale. E’ l’obiettivo del menfitano Filippo Mulè, fondatore in Svizzera dell’associazione cuochi canton Berna.

Buongiorno Chef, a quale risultato mira la sua associazione?

I nostri obiettivi sono promuovere la cucina italiana in Svizzera, fare corsi di alta formazione, serate di gala per beneficenza, expo enogastronomici (il prossimo è previsto per ottobre a Bellinzona) e non ultimo valorizzare e fare esprimere i chef che abbiamo qui nel territorio. Con l’emergenza coronavirus che stiamo vivendo, il nostro compito in Svizzera nel ruolo di far riscattare il Made in Italy è ancora più forte e sentito.

Ha in mente progetti collegati al nostro territorio?

Non nego che ho molti progetti anche per la valle del Belice in quando la nostalgia per la mia terra è sempre più crescente.

Ho intenzione di organizzare una esposizione fotografica culinaria in Svizzera sul tema della materia prima in collaborazione con lo studio Fotografico Franco Piazza di Menfi, cercando di coinvolgere le nostre eccellenze enogastronomiche.

Ringrazio, inoltre, il Presidente delle Cantine Settesoli che si è dimostrato disponibile ad appoggiarci in qualche progetto di cene Gourmet che organizzeremo in futuro per fare beneficenza.

Da quanti anni si trova in Svizzera? Come è diventato chef?

Sono ormai 17 anni. In Sicilia ho iniziato a lavorare da molto giovane; all’ età di 14 anni ho iniziato un percorso come panettiere fino a 23 anni, dopo mi sono riqualificato pizzaiolo e ho lavorato con tale mansione fino ai 30 anni quando sono partito per la Svizzera.

In Svizzera mi sono rimesso in gioco facendo varie esperienze lavorative nei migliori Ristoranti di Berna, studiano  da autodidatta e con il tempo son diventato uno Chef di cucina abbastanza noto a Berna.

La mia linea di cucina è semplice, il mio motto è : rispettare la materia prima ed esaltarla nella sua semplicità di base.

Quanto le manca la sua terra?

Mi trovo molto bene qui in Svizzera ma, come ho detto prima, sento sempre forte il legame con la mia terra. In questo momento difficile per tutti, ma soprattutto per l’Italia, voglio mandare un forte abbraccio a tutti gli italiani e in particolare ai miei conterranei.

RATING

COMMENTI

Condividi su

Belicenews su Facebook
ARGOMENTI RECENTI
ABOUT

Il presente sito, pubblicato all'indirizzo www.belicenews.it è soggetto ad aggiornamenti non periodici e non rientra nella categoria del prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare come stabilito dalla Legge 7 marzo 2001, n. 62 Informazioni legali e condizioni di utilizzo.
P.IVA: IT02492730813
Informazioni legali e condizioni di utilizzo - Per le tue segnalazioni, pubblicità e richieste contatta la Redazione al telefono +39 330 852963 Privacy
credits: mblabs.net

Torna SU