Menfi, Francesco Bondì nel ricordo di Inycon Ouverture 2018 tra spettacolo e legame sociale

Immagine articolo: Menfi, Francesco Bondì nel ricordo di Inycon Ouverture 2018 tra spettacolo e legame sociale
In questi giorni di emergenza, il maestro Francesco Bondì, Direttore di Inycon, ha voluto ripercorrere l'esperienza del 2018 che ha visto aprire la strada verso Inycon 2019 svoltasi lo scorso Giugno.

"OUVERTURE è una favola popolare concepita nel 2018 come rito catalizzante al fine di destare quell'insospettata riserva di forza che emerge dal cuore degli uomini quando la vita ci mette alla prova

OUVERTURE è una festa teatrale che ci fa riflettere sulla forza dinamica del rito che abilita gli uomini nella produzione del “noi”, trasformando così il mondo.
La produzione del “noi” è alla base della creazione della vita e della civiltà, e il teatro, che include tutte le arti, ne rappresenta le cause e ne rivela gli effetti.

Mai come in questi giorni abbiamo avvertito la mancanza dello spettacolo dal vivo, non solo come esercizio della bellezza, ma anche come rito nelle sue forme inclusive di legame sociale. Perfino il nostro lessico si è vestito di nuove immagini: quella che era una festa teatrale adesso viene percepita come pericolo, la distanza che prima rappresentava una scelta nella visione prospettica di uno spettacolo, adesso è negoziazione di confini individuali, la temperatura di una sala o di una piazza, che misurava il consenso e l'entusiasmo del pubblico, adesso evoca l'immagine di un termoscanner.

Tutto questo è la prova tangibile di come l'imprevedibile possa diventare reale.

Ma questa prova per gli artisti è mestiere. Capaci di pensare domani diversamente da oggi, assorbiti dalla sfida quotidiana per rendere visibile l'invisibile, possibile l'impossibile, godibile l'inimmaginabile, gli artisti sanno come trasformare un ostacolo in un'occasione favorevole. Oggi più di ieri possono essere i tessitori di strategie nuove, contagiati dallo spirito della creazione, intimamente impegnati a creare futuro e a creare valore.

Questo spettacolo oggi lo dedichiamo a tutti coloro che “tremano d'amore e di speranza”, a tutti coloro che credono nella prepotenza della primavera non come una stagione, ma come un'opportunità.

La civiltà è invenzione dell'uomo e il teatro è la rappresentazione dello stile di una società che si rinnova e si reinventa, e in questo divenire crea futuro.
“Il futuro non esiste, va creato”.

Francesco Bondì

RATING

COMMENTI

Condividi su

Belicenews su Facebook
ARGOMENTI RECENTI
ABOUT

Il presente sito, pubblicato all'indirizzo www.belicenews.it è soggetto ad aggiornamenti non periodici e non rientra nella categoria del prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare come stabilito dalla Legge 7 marzo 2001, n. 62 Informazioni legali e condizioni di utilizzo.
P.IVA: IT02492730813
Informazioni legali e condizioni di utilizzo - Per le tue segnalazioni, pubblicità e richieste contatta la Redazione al telefono +39 330 852963 Privacy
credits: mblabs.net