Menfi, interrogazione del Gruppo “Idea Menfi” sugli affidamenti di lavori pubblici

Immagine articolo: Menfi, interrogazione del Gruppo “Idea Menfi” sugli affidamenti di lavori pubblici

Interrogazione al Sindaco ai sensi dell’articolo 11 del Regolamento del Consiglio comunale di Menfi; per la stessa interrogazione viene chiesta una risposta scritta.

I sottoscritti Consiglieri comunale del gruppo “Idea Menfi”

PREMESSO

  1. che con determinazione n. 829 del 25/06/2018 è stata approvata la determina a contrarre con affidamento diretto, per il servizio di nolo di cassone scarrabile e relativo trasporto di rifiuti urbani, alla ditta Edil Ambiente srl con sede legale in Via Itria n. 3 Mazara del Vallo. - CIG n. Z6F241C423 - per un importo di Euro 3.800,00 al netto di IVA relativo a n. 10 noli e relativi trasporti;
  2. che con determinazione n. 830 del 25/06/2018 è stata approvata la determina a contrarre con affidamento diretto, per il servizio di conferimento di rifiuti, frazione umida provenienti dalla raccolta differenziata del Comune di Menfi, alla ditta Traina srl - CIG n. ZBA241C3C3 - per un importo di Euro 13.000,00 al netto di IVA relativo a circa 100 tonnellate di rifiuti frazione umida;
  3. che con determinazione n. 834 del 28/06/2018 è stata approvata la determina a contrarre con affidamento diretto, per il servizio di nolo a freddo "full service" di n. 1 autocompattatore di 25 mc. per la raccolta R.S.U della durata di mesi sei, con decorrenza dal 04/07/2018, alla ditta Pecorella Gaspare con sede legale in Biagio Amico n. 8 Salemi (TP) - GIG n. ZB1241ED75 per un importo di Euro 21.600,00 al netto di IVA relativo alla locazione per 6 mesi di un autocompattatore di 25 mc.;
  4. che con determinazione n. 834 del 28/06/2018 è stata approvata la determina a contrarre con affidamento diretto, per il servizio di nolo a freddo "full service" di n. 1 automezzo, per la raccolta di rifiuti ingombranti della durata di mesi sei, con decorrenza dal 01/07/2018, alla ditta Pecorella Gaspare con sede legale in Biagio Amico n. 8 Salemi (TP) - GIG n. Z2D2424E3E per un importo di Euro 6.600,00 al netto di IVA relativo alla locazione per 6 mesi n. 1 automezzo, per la raccolta di rifiuti ingombranti;
  5. che con determinazione n. 836 del 28/06/2018 è stata approvata la determina a contrarre con affidamento diretto, per il servizio di nolo di cassoni scarrabili e relativi trasporti di rifiuti urbani differenziati provenienti dalla fascia costiera del comune di Menfi, alla ditta Pecorella Gaspare con sede legale in Biagio Amico n. 8 Salemi (TP) - CIG n. Z9B2426ED5 per un importo di Euro 22.982,00 al netto di IVA relativo alla locazione per 3 mesi di n. 7 cassoni scarrabili, della locazione dal 15/07/2018 al 02/09/2018 di n. 3 cassoni scarrabili ed a circa n. 150 trasporti presso il centro di selezione e avvio a recupero dei rifiuti di S. Margherita di Belice;
  6. che con determinazione n. 837 del 28/06/2018 è stata approvata la determina a contrarre con affidamento diretto, per il servizio di raccolta di rifiuti nella fascia costiera del comune di Menfi, dal 26/06/2018 al 30/09/2018, alla ditta Pecorella Gaspare con sede legale in Biagio Amico n. 8 Salemi (TP) - GIG n. Z1D2426F30 per un importo di Euro 39.000,00 al netto di IVA relativo alla raccolta differenziata dei rifiuti nella fascia costiera del comune di Menfi, dal 26/06/2018 al 30/09/2018, da effettuare nelle ore antimeridiane, comprendente lo svuotamento giornaliero di n. 7 isole ecologiche e di circa 25 grandi utenze (attività commerciali), di quattro tipologie di rifiuti (umido, carta/cartone, plastica/alluminio e frazione secca), con mezzo idoneo a poter scaricare in cassoni scarrabili situati presso il C.d.R. del Comune di Menfi

CONSIDERATO

  1. che si tratta di 6 affidamenti diretti per un importo complessivo di Euro 106.982,00 oltre IVA effettuati con determinazioni in due date e precisamente le prime 2 in data 25/6/2018 e le ultime 4 in data 28/6/2018;
  2. che tutti e 6 gli affidamenti singolarmente di importo inferiore a 40.000,00 euro sono stati effettuati ai sensi dell’articolo 36, comma 2, lettera a) del Codice dei contratti di cui al D.lgs. n. 50/2016;
  3. che gli ultimi 3 affidamenti (determinazioni nn. 834, 836 e 837) relativi tutti a noli ed a servizi sono stati effettuati nella stessa giornata ed alla stessa ditta per un complessivo importo di Euro 68.582,00
  4. che nell’articolo 36 comma 1 del Codice dei contratti di cui al D.lgs. n. 50/2016 è precisato che “L’affidamento e l’esecuzione di lavori, servizi e forniture di importo inferiore alle soglie comunitarie avvengono nel rispetto dei principi di cui agli articoli 30, comma 1 (economicità, efficacia, tempestività, correttezza, libera concorrenza, non discriminazione, trasparenza, proporzionalità, nonché di pubblicità), 34 (criteri ambientali minimi) e 42 (conflitto di interesse), nonché del rispetto del principio di rotazione degli inviti e degli affidamenti e in modo da assicurare l’effettiva possibilità di partecipazione delle microimprese, piccole e medie imprese;
  5. che nell’articolo 36, comma 2 del Codice dei contratti di cui al D.lgs. n. 50/2016 è precisato che per i contratti sottosoglia è possibile una diversa procedura a seconda che si tratti di importo al di sotto di 40.000 euro (lettera a)) o al di sopra di tale importo lettera b));
  6. che all’articolo 35, comma 6, secondo periodo del Codice dei contratti di cui al d.lgs. n. 50/2016 è precisato che “Un appalto non può essere frazionato allo scopo di evitare l’applicazione delle norme del presente codice tranne nel caso in cui ragioni oggettive lo giustifichino”;
  7. che nell’articolo 35, comma 9 del Codice dei contratti di cui al d.lgs. n. 50/2016 è precisato che “Per i contratti relativi a lavori e servizi: a) quando un’opera prevista o una prestazione di servizi può dare luogo ad appalti aggiudicati contemporaneamente per lotti distinti, è computato il valore complessivo stimato della totalità di tali lotti; b) quando il valore cumulato dei lotti è pari o superiore alle soglie di cui ai commi 1 e 2, le disposizioni del presente codice si applicano all’aggiudicazione di ciascun lotto”;
  8. che nelle linee guida previste dall’articolo 36, comma 7 del Codice dei contratti e predisposte con Delibera ANAC 1 marzo 2018, n. 206 recante “Aggiornamento al decreto legislativo 19 aprile 2017, n. 56 delle Linee guida n. 4, di attuazione del decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50 recanti: «Procedure per l’affidamento dei contratti pubblici di importo inferiore alle soglie di rilevanza comunitaria, indagini di mercato e formazione e gestione degli elenchi di operatori economici” al paragrafo 2.1 è precisato che “Il valore stimato dell’appalto è calcolato in osservanza dei criteri fissati all’art. 35 del codice dei contratti pubblici. Al fine di evitare un artificioso frazionamento dell’appalto, volto a eludere la disciplina comunitaria, le stazioni appaltanti devono prestare attenzione alla corretta definizione del proprio fabbisogno in relazione all’oggetto degli appalti, specialmente nei casi di ripartizione in lotti, contestuali o successivi, o di ripetizione dell’affidamento nel tempo”;
  9. che nelle citate linee guida predisposte con Delibera ANAC 1 marzo 2018, n. 206 al paragrafo 5 è definita la procedura negoziata per l’affidamento di contratti di servizi e forniture di importo pari o superiore a 40.000,00 euro e inferiore alle soglie di rilevanza comunitaria di cui all’art. 35.

Tutto ciò premesso

INTERROGANO

il Signor Sindaco per sapere e per conoscere:

  1. i motivi per i quali sia stato applicato, per le determinazioni citate in premessa, un affidamento diretto di cui all’articolo 36, comma 1, lettera a) del Codice dei contratti di cui al d.lgs. n. 50/216 e non l’affidamento negoziato di cui all’articolo 36, comma 2 lettera b) del Codice dei contratti;
  2. i motivi per i quali non sia stato rispettato, nel caso delle determinazioni di cui ai punti 4., 5. E 6. citate in premessa, il principio di rotazione degli inviti e degli affidamenti previsto come obbligo all’articolo 36, comma 1 del Codice dei contratti;
  3. se con le determinazioni citate in premessa non sia stato effettuato un artificioso frazionamento dell’appalto;

 I Consiglieri comunali

Ferraro Ignazio

La Placa Santo

Clemente Vito Antonio

Sanzone Rosa Maria Letizia

Alcuri Andrea

RATING

COMMENTI

Condividi su

Belicenews su Facebook
ARGOMENTI RECENTI
ABOUT

Il presente sito, pubblicato all'indirizzo www.belicenews.it è soggetto ad aggiornamenti non periodici e non rientra nella categoria del prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare come stabilito dalla Legge 7 marzo 2001, n. 62 Informazioni legali e condizioni di utilizzo.
P.IVA: IT02492730813
Informazioni legali e condizioni di utilizzo - I contenuti del presente sito appartengono all'Associazione Culturale L'Araba Fenice. Privacy
credits: mblabs.net

Torna SU