Porto Palo, vietati falò e vendite alcolici da asporto. Previste multe per trasgressori

Immagine articolo: Porto Palo, vietati falò e vendite alcolici da asporto. Previste multe per trasgressori

Emessa dal Sindaco Marilena Mauceri l’Ordinanza Sindacale N.39 del 10 Agosto 2022 con cui viene previsto il divieto di vendita di alcolici da asporto nei prossimi 14 e 15 Agosto. Nei giorni scorsi è stato previsto anche il divieto di falò. Di seguito il testo dell’Ordinanza Sindacale:

È vietato:

1. Per gli esercizi di vicinato di vendere per asporto bevande alcoliche e superalcoliche di qualsiasi gradazione prima delle ore 08:00 e dopo le 20:00. Analogo divieto vale altresì per i distributori automatici di bevande alcoliche;

2. Per gli esercenti che svolgono anche attività artigianali di produzione e vendita di prodotti di gastronomia pronti per il consumo immediato (gastronomie, rosticcerie, paninerie, etc...) non vige il divieto di cui al comma 1 e pertanto è autorizzata la vendita per asporto di bevande alcoliche di qualsiasi gradazione fino alle ore 02:00, si ricorda che è vietata la vendita anche per asporto in contenitori di vetro o di metallo - Ord. Sind. n.28/2017;

3. Per tutti gli esercenti indistintamente dalle ore 02:00 di effettuare la somministrazione e la vendita di bevande alcoliche e superalcoliche anche da asporto;

È fatto altresì divieto

la vendita e la somministrazione di bevande alcoliche e analcoliche, anche per asporto, in contenitori di vetro o di metallo (Ord. Sindacale n. 28 del 21.06.2017);

Avverte

L'inosservanza delle limitazioni e i divieti sopra esposti comporta, l'applicazione della sanzione amministrativa pecuniaria prevista dal comma 1 dell’art. 7 bis del D. Lgs 267/2000 da € 25,00 ad € 500,00;
Che per le violazioni alla presente Ordinanza, i trasgressori hanno la facoltà di estinguere la sanzione amministrativa pecuniaria prevista mediante il pagamento in misura ridotta, ai sensi del comma II dell'art.16 della Legge 689/81, di una somma pari ad € 200,00 (duecento/00).
Sono fatte salve le eventuali sanzioni previste dalla normativa specifica vigente in materia.

Nei casi di reiterazione della violazione almeno tre infrazioni nei cinque anni successivi, ai sensi dell'art. 8 bis della Legge n.689/1981 e s.m.i., il Dirigente del Settore Commercio di questo Ente ordinerà obbligatoriamente la chiusura dell'esercizio pubblico da un minimo di 3 (tre) giorni sino ad un massimo di 7 (sette) giorni.

Per l'accertamento delle violazioni delle prescrizioni impartite con la presente ordinanza e per l'applicazione delle sanzioni amministrative pecuniarie, si applicano i principi, criteri e le modalità di cui alla Legge n.689 del 24 novembre 1981, comprese le sanzioni accessorie previste dalla predetta legge.

Ai sensi dell'art.18 della Legge n.689/1981 l'Autorità amministrativa competente è il Sindaco del Comune di Menfi, al quale potranno essere inoltrati scritti difensivi secondo la procedura prevista dalla legge richiamata.

Dispone

- Che gli organi di Polizia preposti alla vigilanza sul territorio adotteranno ogni provvedimento accessorio ritenuto necessario e sono incaricati di provvedere per la parte di rispettiva competenza alla vigilanza, al controllo e alla esecuzione della presente Ordinanza;
- Che si provveda alla pubblicazione all’Albo Pretorio del Comune di Menfi e nella speciale sezione “Amministrazione Trasparente”;
- Che se ne dia massima pubblicizzazione e diffusione della stessa alla cittadinanza attraverso i mezzi di informazione e sul sito istituzionale del Comune.

Dispone inoltre

La trasmissione del presente atto a:
Prefettura di Agrigento;
Questura di Agrigento;
Comando Polizia Locale di Menfi;
Comando Compagnia Carabinieri di Sciacca;
Comando Stazione Carabinieri di Menfi;
Commissariato di P.S. di Sciacca;
Comando Capitaneria di Porto di Sciacca;
Comando Guardia di Finanza Sciacca;
Comando Corpo Forestale di Santa Margherita di Belìce.

RATING

COMMENTI

Condividi su

Belicenews su Facebook
ARGOMENTI RECENTI
ABOUT

Il presente sito, pubblicato all'indirizzo www.belicenews.it è soggetto ad aggiornamenti non periodici e non rientra nella categoria del prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare come stabilito dalla Legge 7 marzo 2001, n. 62 Informazioni legali e condizioni di utilizzo.
P.IVA: IT02492730813
Informazioni legali e condizioni di utilizzo - Per le tue segnalazioni, pubblicità e richieste contatta la Redazione scrivendo al numero WhatsApp +39 344 222 1872
Privacy PolicyCookie Policy