Montevago e la "licentiae populandi" tra storia e aneddoti

Immagine articolo: Montevago e la “licentiae populandi“ tra storia e aneddoti

Si tratta di documenti di varia epoca, rilasciati quale <> dall'autorità regia al feudatario per la fondazione di una nuova <<università>>: prima in riconoscimento di servigi resi alla Corona, poi mercificati, al pari di ogni altro titolo, per rinsanguare le esauste finanze del Regno.  Le licentiae populandi relative ai centri siciliani fondati nell'età moderna si trovano in gran numero presso l'Archivio di Stato di Palermo e, in massima parte, nel fondo del <>.

Il feudo di Miserendino e relativo castello fu concesso ad Antonio Moncada, conte di Adernò, dal Re Martino nel 1392; successivamente pervenne a Enrico Rosso e nel 1433 fu venduto ai Corbera e dopo ai Filangeri.  Il territorio dove sorgerà Montevago faceva parte, verso la fine del XVI secolo, della baronia di Miserendino. Ne facevano parte i tre feudi di Adrigna, Serafino e Gipponeri, acquistati nel gennaio del 1636 da Girolama Xirotta. In quel tempo non poteva fondarsi nessun nuovo comune senza speciale licenza del sovrano; Girolama Xirotta chiese ed ottenne la facoltà di popolare il feudo di Gipponeri dando al paese che vi doveva sorgere il nome di Montevago.

RATING

COMMENTI

Condividi su

Belicenews su Facebook
ARGOMENTI RECENTI
ABOUT

Il presente sito, pubblicato all'indirizzo www.belicenews.it è soggetto ad aggiornamenti non periodici e non rientra nella categoria del prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare come stabilito dalla Legge 7 marzo 2001, n. 62 Informazioni legali e condizioni di utilizzo.
P.IVA: IT02492730813
Informazioni legali e condizioni di utilizzo - I contenuti del presente sito appartengono all'Associazione Culturale L'Araba Fenice. Privacy
credits: mblabs.net

Torna SU