Santa Margherita, il rudere di “casa Barbera” entro la fine di febbraio sarà demolito. Arrivato l'ok della Soprintendenza

Immagine articolo: Santa Margherita, il rudere di “casa Barbera” entro la fine di febbraio sarà demolito. Arrivato l'ok della Soprintendenza

 Il rudere di “casa Barbera” entro la fine di febbraio sarà demolito. Il primo step è già stato superato. La giunta comunale, il 4 febbraio scorso ne ha approvato l’intervento di demolizione urgente. Adesso un passaggio in consiglio comunale e poi il via alla demolizione del rudere che tanti disagi ha creato in questi mesi con la chiusura al traffico della strada limitrofa e la creazione di una bretella temporanea. 

Sulla demolizione si è anche espressa aa S.BB.CC.AA. di Ag che ha dato il proprio parere favorevole alla demolizione dell’immobile. Parere arrivato agli atti del Comune lo scorso 16 gennaio 2019, avendo ritenuto il Soprintendente che: “… dall’esame della documentazione fornita dall’Ente richiedente è emerso che il bene sito in S.M.B. in via Libertà s.n.c., a seguito delle condizioni statiche strutturali accertate, dichiarate e documentate rappresenta un rischio per la pubblica incolumità, condizioni che hanno provocato la perdita del disegno architettonico e formale, pertanto non possiede caratteristiche architettoniche e valenze storiche tali da suggerirne la tutela”.  Il parere della Soprintendenza si era reso necessario poiché l’immobile era sot-toposto a vincolo di interesse culturale ope legis. 

La Soprintendenza in un primo momento ha ritenuto di non potere autorizzare nell’immediatezza la demolizione dell’edificio ed ha suggerito l’attivazione della procedura di verifica dell’interesse culturale ai sensi dell’articolo 12 del D.Lgs n. 42/2004, alfine di consentirne la predetta demolizione.  La predetta verifica ha trovato conclusione con il provvedimento finale emesso dalla Regione Siciliana, arrivato al comune il 31 gennaio scorso. 

L’Assessorato ai Beni Culturali l’Immobile denominato “ Casa Barbera” – via Libertà, snc – verifica dell’interesse culturale …”, non presenta interesse culturale ai sensi dell’art. 10 comma 1 del D.lgs n. 42/2004, in quanto non possiede i requisiti di interesse storico – artistico, non è più sottoposto alle disposizioni contenute nel predetto decreto legislativo ….”  Considerato, quindi che l’Assessorato Regionale ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana ha derubricato il vincolo ritenendo non sussistenti i requisiti di tipo architettonico e storico per sottoporlo a tutela l’Amministrazione comunale ha deliberato che è lecito procedere alla rimozione/demolizione del rudere pericolante, per garantire la tutela della pubblica e privata incolumità e per ripristinare la via di fuga individuata nel piano di protezione civile comunale (principio di interesse prevalente)

RATING

COMMENTI

Condividi su

Belicenews su Facebook
ARGOMENTI RECENTI
ABOUT

Il presente sito, pubblicato all'indirizzo www.belicenews.it è soggetto ad aggiornamenti non periodici e non rientra nella categoria del prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare come stabilito dalla Legge 7 marzo 2001, n. 62 Informazioni legali e condizioni di utilizzo.
P.IVA: IT02492730813
Informazioni legali e condizioni di utilizzo - Per le tue segnalazioni, pubblicità e richieste contatta la Redazione al telefono +39 330 852963 Privacy
credits: mblabs.net

Torna SU