Salaparuta, successo per la giornata della legalità

Immagine articolo: Salaparuta, successo per la giornata della legalità

Tanta commozione ed emozione, momenti di assoluta suggestione, amari e tristi ricordi”. Tutte riflessioni legate al periodo più drammatico e luttuoso della vita sociale dell’Italia. Si può dire dopo le due grandi guerre. Periodo drasticamente quantificato in quei “terribili ed inquietanti 57 giorni” che hanno registrato le tragiche morti dei giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, con le loro rispettive scorte.

“Barbari uccisioni per vile mano mafiosa”. Emozioni, commozioni, suggestioni, ricordi che hanno aleggiato ed impreziosito la calda serata dello scorso 20 luglio a Salaparuta. Una piazza Falcone gremita per celebrare degnamente l’iniziativa:” Per non dimenticare…Riflessioni sulla legalità ricordando Giovanni Falcone e Paolo Borsellino”.

Una manifestazione organizzata dall’amministrazione comunale e fortissimamente voluta da Patrizia Santangelo, vice sindaco ed assessore. Un evento estremamente significativo per “scuotere le coscienze della società civile”. Un campanello d’allarme che non deve mai smettere di “suonare”.

Un campanello che deve tenere tutti allerta nel nome e nel segno della “legalità” contro ogni forma di violenza mafiosa ed illegale”. E in questa direzione l’appuntamento di Salaparuta ha rappresentato davvero una “chicca” grazie anche e soprattutto alla partecipazione di Giuseppe Costanza, sopravvissuto al drammatico attentato al giudice Giovanni Falcone. Costanza, conduttore di veicoli speciali, insignito di medaglia d’oro al valore civile, ha trasmesso la sua testimonianza ai presenti in piazza.

Rivolgendosi soprattutto ai tanti giovani e giovanissimi li ha invitati ed esortati a “schierarsi decisamente contro la mafia e contro ogni forma di collusione e connivenza”.

Un “ritornello” che ha fatto da cornice alla serie di domande che i bambini, vestiti con colorate magliette, hanno rivolto all’ospite Giuseppe Costanza. Il sindaco di Salaparuta Vincenzo Drago ha poi donato a Giuseppe Costanza, una targa-ricordo ringraziandolo per la sua partecipazione. “Tutti i presenti in piazza-evidenzia il vice sindaco Patrizia Santangelo-in coro, uniti e compatti abbiamo gridato no alla mafia, no ad ogni forma di violenza, di illegalità e di sopraffazione”.

Nel corso della serata si è registrata l’esibizione dei giovanissimi allievi dell’associazione culturale Move Your Body di Poggioreale e dei ragazzi del grest di Salaparuta. Applausi a scena aperta per le loro coreografie di danza inneggianti alla pace. Applauditissima poi la lettura di alcuni brani del libro di Giuseppe Costanza:” Stato di abbandono”, magistrale lettura da parte di Giuseppe Cataldo.

Nella foto da sinistra: Patrizia Santangelo, il sindaco Vincenzo Drago, Giuseppe Costanza.

RATING

COMMENTI

Condividi su

Belicenews su Facebook
ARGOMENTI RECENTI
ABOUT

Il presente sito, pubblicato all'indirizzo www.belicenews.it è soggetto ad aggiornamenti non periodici e non rientra nella categoria del prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare come stabilito dalla Legge 7 marzo 2001, n. 62 Informazioni legali e condizioni di utilizzo.
P.IVA: IT02492730813
Informazioni legali e condizioni di utilizzo - Per le tue segnalazioni, pubblicità e richieste contatta la Redazione al telefono +39 330 852963 Privacy
credits: mblabs.net

Torna SU