Alla scoperta del Curry: non una bensì un mix di spezie provenienti dall'India ottime per la salute

Immagine articolo: Alla scoperta del Curry: non una bensì un mix di spezie provenienti dall'India ottime per la salute

Il curry è una miscela di spezie, tipica dell'India, ma ormai diffusa ovunque. A seconda di quali e quante spezie contiene può essere forte e piccante o morbido e dolce, e condisce piatti di carne e verdura rendendoli saporitissimi e coloratissimi (dal giallo intenso al rosso e al marrone).  E non è tutto, le spezie contengono preziosi componenti che possono influenzare positivamente la nostra salute, come la curcumina della curcuma e la capsaicina del peperoncino (che è poi la sostanza che lo rende "piccante").  Insomma, ancora una volta un piatto saporitissimo e coloratissimo è anche un piatto ricco di composti interessanti da un punto di vista nutrizionale, scopriamoli insieme alla Dott.ssa Graziella Palermo.

Curry, le spezie che lo compongono

L'aroma tipico del curry è diretta conseguenza del mix di spezie che si scelgono di utilizzare ma anche delle proporzioni tra di esse. Solitamente in quantitativo maggiore ci sono:

• Coridandolo;

• Cumino;

• Curcuma;

• Semi di senape;

• Semi di finocchio;

• Cardamomo;

• Fieno greco;

In quantitativo minore invece:

• Pepe;

• Peperoncino;

• Zenzero;

• Chiodi di garofano;

• Cannella;

• Noce moscata.

Questo non è però sempre vero dato che esistono molte varianti di curry.

Proprietà e benefici del curry

Gran parte dei benefici collegati al consumo di curry sono merito della curcumina, principale componente biologicamente attiva della curcuma (circa il 5% del peso della radice secca) e responsabile della colorazione giallastra. Ricordo tra l'altro che nel curry la curcuma è accompagnata da zenzero e pepe nero, due alimenti che ne potenziano le proprietà benefiche.

Ideale se consumato in zuppe calde, il curry è un vero toccasana per l'apparato digestivo e ha proprietà disinfettanti benefiche per l'intestino. In più regola il metabolismo e fa bruciare grassi. Il curry svolge anche una importante funzione antinfiammatoria e antiossidante, che contribuisce ad alleviare l'affaticamento del fegato, proteggere lo stomaco e l'intestino e ridurre i fastidi collegati all'artrite e ai reumatismi.

La stessa azione antinfiammatoria e antiossidante del curry sarebbe efficace anche per ridurre il rischio di subire un attacco cardiaco. E non solo! Altri studi dimostrano che la curcuma contenuta nel curry previene il diabete di tipo 2 nelle persone più a rischio e che il curcumino abbia efficaci proprietà antitumorali.

Ricapitolando il curry:

• È disinfettante;

• Regola il metabolismo;

• Aiuta la digestione;

• Brucia i grassi;

• Antinfiammatorio;

• Antiossidante;

• Riduce il rischio infarto;

• Previene il diabete tipo 2

Dott.ssa Graziella Palermo - nutrizionistagraziella@gmail.com

RATING

COMMENTI

Condividi su

Belicenews su Facebook
ARGOMENTI RECENTI
ABOUT

Il presente sito, pubblicato all'indirizzo www.belicenews.it è soggetto ad aggiornamenti non periodici e non rientra nella categoria del prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare come stabilito dalla Legge 7 marzo 2001, n. 62 Informazioni legali e condizioni di utilizzo.
P.IVA: IT02492730813
Informazioni legali e condizioni di utilizzo - Per le tue segnalazioni, pubblicità e richieste contatta la Redazione al telefono +39 330 852963 Privacy
credits: mblabs.net

Torna SU