Triscina, incidente stradale nel 2020 sulla S.P.81. Condannato per falso il conducente di un escavatore

Immagine articolo: Triscina, incidente stradale nel 2020 sulla S.P.81. Condannato per falso il conducente di un escavatore

Dopo l’incidente stradale, rinvia la consegna dei documenti. Successivamente nega di essere stato lui l’autore del sinistro, ma viene condannato con sentenza penale, a seguito di una querela per falso presentata dai denuncianti.

I fatti si sono verificati nell’Ottobre del 2020 sulla S.P.81 località Triscina. M. G., alla guida dell’autovettura Golf in compagnia della moglie A.C., percorrevano la detta arteria, quando, giunti all’altezza della c/da Canalotto Favata, l’autovettura Golf veniva violentemente investita da una pala meccanica che, uscendo da una stradina sterrata, nell’immettersi nella S.P.81 non si fermava, e causava il sinistro.

A causa del violento i sig. M.G. e A.C. subivano notevoli danni fisici e venivano trasportati con il 118 presso l’Ospedale di Castelvetrano. Nell’immediatezza C.A., che si trovava alla guida della pala meccanica, dichiarava che non era fornito momentaneamente dei documenti del mezzo e che, successivamente, avrebbe dato la carta di circolazione e l’assicurazione, al fine di procedere alla denuncia del sinistro.

Dopo le cure ricevute al Pronto Soccorso, i sig. M.G. e A.C., tramite il loro legale Giuseppe Buscemi di Menfi, hanno chiesto al conducente dell’escavatore di perfezionare la denuncia di sinistro. Di contro C.A., tramite il suo legale, dichiarava di non avere provocato alcun sinistro, di non essere mai stato alla guida del mezzo e che si trovava a piedi sul luogo del sinistro, negando di fatto di essere il conducente della pala meccanica che aveva procurato il sinistro.

A seguito della denuncia/querela presso la Stazione dei Carabinieri di Castelvetrano, iniziava il procedimento Penale presso il Giudice di Pace di Castelvetrano. M.G. e A.C. si costituivano parte civile, e, dopo una lunga ed articolata fase istruttoria, dove venivano escussi diversi testimoni, il Giudice di Pace ha condannato “il bugiardo” a euro 400 di multa, oltre al pagamento delle spese processuali, ed al risarcimento dei danni in favore della parte civile difesa da quantificarsi in separata sede.

Una chiamata alle Forze dell’Ordine per rilevare l’incidente avrebbe evitato le lungaggini della causa.

RATING

COMMENTI

Condividi su

    Belicenews su Facebook
    ARGOMENTI RECENTI
    ABOUT

    Il presente sito, pubblicato all'indirizzo www.belicenews.it è soggetto ad aggiornamenti non periodici e non rientra nella categoria del prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare come stabilito dalla Legge 7 marzo 2001, n. 62 Informazioni legali e condizioni di utilizzo.
    P.IVA: IT02492730813
    Informazioni legali e condizioni di utilizzo - Per le tue segnalazioni, pubblicità e richieste contatta la Redazione al telefono +39 344 222 1872
    Privacy PolicyCookie Policy
    credits: mblabs.net