Domani a Poggioreale la rievocazione storica della raccolta del frumento da offrire a S.Antonio

Domani a Poggioreale la rievocazione storica della raccolta del frumento da offrire a S.Antonio

C’è  attesa nell’ambiente cittadino legato al mantenimento e valorizzazione delle tradizioni popolari per la “rievocazione storica della raccolta del frumento da offrire a S.Antonio da Padova, protettore di Poggioreale”. L’evento scatterà domani pomeriggio alle ore 17, in occasione dei tradizionali festeggiamenti in onore del Santo (11,12 e 13 giugno).Trattasi di una “simulazione” di quando accadeva realmente a Poggioreale fino alla viglia del terremoto del gennaio 1968. Allora, ogni anno 15-20 giorni prima della ricorrenza della festività di S.Antonio, una quindicina di fedeli, cavalcando i muli, iniziavano ad effettuare la raccolta di frumento per il paese. Ognuno offriva  una certa quantità di frumento, secondo la promessa fatta o in rapporto alla devozione verso il Santo Protettore. Il frumento raccolto (sistemato in bisacce riportanti l’effigie di S.Antonio e in sacchi di lona) veniva venduto e il ricavato finiva con l’essere utilizzato per organizzare i festeggiamenti.

“Abbiamo deciso di rievocare la nostra antica tradizione-dice Giuseppe Lombardo, presidente dell’Associazione S.Antonio da Padova, protettore di Poggioreale-soprattutto per far conoscere alle nuove generazioni gli usi e costumi d’un tempo legati alla devozione fideistica-religiosa”.

Alla rievocazione odierna parteciperanno 15 cavalli, cavalcati da cittadini-volontari. Il via (dopo la solenne benedizione dei cavalli e del Prisenti) sarà dato nello spiazzo adiacente alla Cappella di S.Antonio. Prevista la sfilata per le principali vie del paese. Come detto, accanto ai cavalli per la raccolta del frumento, sfilerà anche il “Prisenti”. Trattasi di un drappo di seta lungo venti metri, ricamato con fili d’oro, riportante  una “croce e un mazzo di spighe di l’grano”. Il drappo voleva simboleggiare “l’abbondanza e la speranza di una buona annata per la raccolta del frumento”. Anticamente il drappo veniva portato in processione dai muli. Adesso saranno i giovanissimi ragazzi componenti del ”Baby consiglio comunale”. La sfilata sarà animata dalla presenza di un gruppo di “tamburinari”.

A conclusione della rievocazione storica” sarà celebrata,all’interno della cappella di S.Antonio, la “tredicina”. I festeggiamenti entreranno nel vivo lunedì 12 e martedì 13 giugno. Tra i momenti devozionali-religiosi più attesi  e suggestivi: la processione del Santo dalla Cappella alla Chiesa Madre (ore 11 di lunedì 12). Qui avverrà l’investitura dei nuovi soci all’Associazione S.Antonio e la “benedizione delle terre” con il Santissimo. Mentre la Messa Solenne è in programma martedì 13 giugno (ore 11 Chiesa Madre). Il rito sarà presieduto dal Vescovo della Diocesi di Mazara del Vallo monsignor Domenico Mogavero. 

A livello ricreativo prevista: l’esibizione musicale del cantante Simon Vito e del e del cabarettista Gigi Carista (lunedì 12 ore 21,30). E poi ancora: la sfilata di cavalli, cavalieri e carretti (lunedì 12 ore 16,30). Chiusura con l’immancabile sparo di giochi pirotecnici (ore 24 di martedì 13) in via Combattenti Guerra 15/18.

Belicenews su Facebook
ARGOMENTI RECENTI
ABOUT

Il presente sito, pubblicato all'indirizzo www.belicenews.it è soggetto ad aggiornamenti non periodici e non rientra nella categoria del prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare come stabilito dalla Legge 7 marzo 2001, n. 62 Informazioni legali e condizioni di utilizzo.
P.IVA: IT02492730813
Informazioni legali e condizioni di utilizzo - I contenuti del presente sito appartengono all'Associazione Culturale L'Araba Fenice. Privacy
credits: mblabs.net

Torna SU