Menfi. Associazioni, Istituzioni e Cittadini scrivono lettera per l'acqua pubblica. Tra i destinatari il Papa

Menfi. Associazioni, Istituzioni e Cittadini scrivono lettera per l'acqua pubblica. Tra i destinatari il Papa

Dopo il consiglio comunale aperto, che si è svolto ieri sera presso il Centro Civico, i cittadini di Menfi ha messo nero su bianco la propria volonta di mantenere pubblico un bene imprescindibile come l'acqua. Questo il testo della missiva, che ha per destinatari il Presidente della Repubblica, il vescovo di Agrigento, il Presidente del Consiglio dei Ministri, il Prefetto di Agrigento, il Presidente della Regione Siciliana, l’Assessore all’Energia Regione Siciliana i Senatori Nazionali e Papa Francesco:

"Ai Deputati Regionali e Nazionali Le Associazioni, l’Amministrazione e il Consiglio del Comune di Menfi, da sempre a fianco nel difendere il bene acqua, anche nell’interesse delle generazioni future, congiuntamente sottoscrivono la presente, ritenendo, con orgoglio, che Menfi sia un modello di “Città dell’Acqua Pubblica”, in quanto la secolare gestione efficiente delle risorse idriche del nostro territorio, è stata un obiettivo perseguito con caparbietà e difeso dai vari tentativi di privatizzazione, garantendo una gestione della risorsa acqua oculata e responsabile che comporta risparmio nei costi di gestione, con una naturale conseguente ricaduta per il cittadino, per le casse comunali, per la salute e per l’ambiente.
Infatti, fin dai primi anni del secolo scorso (1900-1915), Menfi ha scelto l’Acqua Pubblica come modello di gestione, tanto che l’allora Sindaco Santi Bivona portò l’acqua corrente nelle case dei cittadini, scontrandosi con interessi privati che, già all’epoca, volevano mantenere il monopolio del servizio di distribuzione dell’acqua.

Negli anni 60 iniziarono opere di bonifica dei pozzi esistenti e ricerca di nuove fonti di approvvigionamento della risorsa idrica, che continuarono negli anni 70 e 80 con la realizzazione di nuove condotte idriche per una regolare distribuzione.

La comunità di Menfi è stata sempre impegnata ad attivare ogni forma di difesa per salvaguardare la gestione pubblica dell’acqua come bene comune ed in particolare, con una mobilitazione generale, sono state raccolte firme per indire un referendum cittadino, sono stati organizzati innumerevoli, incontri, dibattiti, assemblee cittadine , consigli comunali e sempre per ribadire unanimamente la volontà di non affidare a soggetti privati la gestione del Servizio Idrico Integrato.

Nel 2009, alla richiesta di consegna delle reti alla Girgenti Acque SPA, la città ha risposto riempiendo la piazza con un forte segnale di unità e impedendo la consegna delle reti.

Nel 2011, in occasione del referendum nazionale per l’acqua pubblica hanno espresso il loro voto il 72% degli aventi diritto, con la più alta percentuale della Provincia di Agrigento e con il 99,1% di favorevoli all’acqua pubblica.
Il 19/11/2014 il TAR Sicilia ha sancito il principio che il Consorzio di Ambito di Agrigento, a seguito delle modifiche introdotte con la L.R. 2/2013, non può più ottenere la gestione del servizio idrico integrato svolta dal Comune di Menfi.
Attualmente il servizio idrico integrato è gestito in forma diretta e pubblica dal Comune di Menfi con una copertura del costo del servizio prossima al 100% e nel rispetto dei criteri di efficienza, efficacia ed economicità e quindi rientra tre le gestioni da salvaguardare ai sensi dell’art. 9 comma 4 della legge 36/94 (Legge Galli).

Ciò nonostante, oggi, in totale spregio al risultato del referendum nazionale, con l’approvazione del decreto legge 133/2014, noto come decreto “Sblocca Italia”, convertito in legge nel novembre scorso, il Governo Nazionale, per l’ennesima volta, tenta di spogliare il nostro territorio di una risorsa essenziale per affidarla a privati che sicuramente non potranno gestirla meglio, né potranno mantenere inalterati o, comunque, compatibili i costi a carico degli utenti, come, di fatto sta accadendo nei Comuni là dove il Servizio Idrico Integrato è passato alla gestione dei privati (vedi il caso di “Girgenti Acque”)
 

Infatti è di questi giorni la notizia che ben 21 Comuni della Provincia di Agrigento su 27 che hanno consegnato le reti alla Girgenti Acque SpA stanno deliberando l’uscita dall’ATO di Agrigento, chiedendo, nel contempo, la rescissione dei contratti, a suo tempo, sottoscritti con la Girgenti Acque.
Per tutto quanto sopra, nel ribadire la ferma decisione di non consegnare le reti idriche del Comune di Menfi, anche a seguito della illegittima diffida, gli scriventi

CHIEDONO
Che venga rispettata la volontà popolare espressa a larghissima maggioranza con il referendum nazionale del 2011 che ha sancito che l’acqua è bene comune inalienabile e deve essere gestita da in forma pubblica, invitando i rappresentanti del Governo Nazionale, che leggono la presente, a recepire quanto espresso dal popolo italiano con il citato referendum, stabilendo, nel contempo, le modalità di scioglimento dei soggetti privati gestori.
Che venga annullata la diffida del 31/01/2015, prot. N.4196, del Dirigente Generale dell’Assessorato dell’Energia e dei Servizi di Pubblica Utilità della Regione Siciliana, che per l’ennesima volta diffida il Comune di Menfi alla consegna delle reti, in netto contrasto con la L.R. n.2 del 9/1/2013 che recita: “Nelle more dell’approvazione della legge (di riordino del sistema idrico) …… omissis………., i Comuni che non hanno consegnato gli impianti ai gestori del Servizio Idrico Integrato, continuano la gestione diretta ……….;
Che venga completato l’iter legislativo di ripubblicizzazione dell’acqua in Sicilia, così come annunciato dalla citata L.R. n. 2 del gennaio 2013;

 

INVITANO
Le Autorità in indirizzo ad intervenire ciascuno per le proprie competenze"

Belicenews su Facebook
ARGOMENTI RECENTI
ABOUT

Il presente sito, pubblicato all'indirizzo www.belicenews.it è soggetto ad aggiornamenti non periodici e non rientra nella categoria del prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare come stabilito dalla Legge 7 marzo 2001, n. 62 Informazioni legali e condizioni di utilizzo.
P.IVA: IT02492730813
Informazioni legali e condizioni di utilizzo - Per le tue segnalazioni, pubblicità e richieste contatta la Redazione al telefono +39 330 852963 Privacy
credits: mblabs.net

Torna SU