Collocati i “pannelli informativi” in tutte le strutture museali aderenti alla Rete Naturale Belicina

Collocati i “pannelli informativi” in tutte le strutture museali aderenti alla Rete Naturale Belicina

Sono stati consegnati ai quindici comuni della Valle del Belice che aderiscono alla Rete Museale e Naturale Belicina i “pannelli informativi” personalizzati per ogni socio. Sono stati collocati in punti strategici, nelle immediate vicinanze di biglietterie, ingressi, sala di attesa di tutte le strutture museali aderenti alla Rete.

I pannelli sono finalizzati ad offrire, al pubblico di visitatori-turisti, semplici ed utili indicazioni, acquisire le informazioni necessarie per raggiungere tutta la rete museale. Una mappa generale indica tutte le strutture raggruppate per  comune e precisa il punto dove si trova il singolo museo.

Poi: un QRcode indirizza al sito web, una descrizione generale in tre lingue descrive il sistema museale. Inoltre, in una colonna, collocata a sinistra del pannello, si trovano le info sulla rete sito web, pagina face book, recapiti telefonici, e-mail. Così anche per la singola struttura: logo, denominazione, indirizzo, recapiti telefonici, e-mail e sito web.

“I pannelli informativi-spiega Giuseppe Salluzzo, presidente della Rete Museale-rappresentano il primo passo per migliorare insieme gli standard museali delle nostre strutture. Grazie al grande lavoro di squadra messo in campo tra soci pubblici, privati e soci onorari, tutti impegnati per promuovere le bellezze dell’intero territorio. E nel giorno stesso della consegna dei turisti a Segesta, nel Parco Archeologico di Selinunte, nelle Cave di Cusa, nel Museo Diocesano a Mazara del Vallo, hanno subito fruito del nostro pannello”.

Così: a Campobello di Mazara  si potrà visitare  il Museo della Civiltà Contadina, a Castelvetrano: il Museo Civico Selinuntino, il Campus Archeologico Museale, il Museo dell’Olio e della Civiltà Contadina, a Gibellina: il Museo Agroforestale di Monte Finestrelle, il Museo d’arte contemporanea “Ludovico Corrao”, Belice/Epicentro della Memoria, il Museo delle Trame Mediterranee.

Poi a Partanna: Il Castello Grifeo, il Museo della Preistoria del Basso Belice, a Poggioreale: il Museo del Presepe in Vetro di Murano di Pippo Madè, a Salaparuta: l’Archivio della Ricostruzione,  a Salemi: il Museo di Arte Sacra, il Museo del Risorgimento, il Museo della Mafia, il Museo Archeologico.

Mentre a Santa Ninfa: il Museo Nino Cordio, il Museo dell’Emigrazione, a Vita: Palazzo Daidone-Contenitore delle Arti.

I visitatori-turisti potranno ammirare i musei ubicati negli altri sei comuni belicini delle province di Agrigento e Palermo: Menfi (Museo Civico Palazzo Pignatelli, Palazzo Planeta, Istituzione Culturale Federico II), Santa Margherita di Belice (Museo del Gattopardo, Museo della Memoria), Sambuca (Museo Archeologico Palazzo Pannitteri, Le sculture tessili di Sylvie Clavel, il Salotto politico-letteraio sambuche dell’800, La stanza di Fra Felice da Sambuca, il Museo Etno-Antropologico della terra di Zabut, Istituzione Giambecchina), Contessa Entellina (Antiquarium di Entella,Riserva Naturale Grotta di Entella) Roccamena (L’Antiquarium di Monte Maranfusa), Camporeale (Museo di Camporeale).

“Continueremo a lavorare in sinergia-conclude il presidente Salluzzo-per un progetto culturale che possa valorizzare i piccoli musei del territorio belicino ed in particolare i parchi archeologici di Segesta e Selinunte, il Museo Diocesano a Mazara del Vallo e il territorio dei quindici comuni aderenti alla Rete Museale”.

Alla Rete Museale e Naturale Belicina, costituita nel 2012 e con sede operativa a Gibellina presso la Fondazione Orestidiadi-Baglio di Stefano, aderiscono anche sette  strutture private (CRESM, Grotta di Santa Ninfa, Grotta di Entella, Fondazione Istituto di Alta Cultura Orestiadi Onlus, UNPLI di Trapani, PAM di Partanna, Museo Loconovo degli Amari di Castelvetrano), tre soci privati (Parco di Selinunte e Cave di Cusa, Parco Archeologico di Segesta, Museo Diocesano di Mazara del Vallo) e la Soprintendenza ai Beni Culturali di Trapani. La Rete Museale è stata scelta dal Ministero dei Beni Culturali e dalla Regione Siciliana come caso di studio per la sperimentazione come “luoghi di cultura di qualità”.

Belicenews su Facebook
ARGOMENTI RECENTI
ABOUT

Il presente sito, pubblicato all'indirizzo www.belicenews.it è soggetto ad aggiornamenti non periodici e non rientra nella categoria del prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare come stabilito dalla Legge 7 marzo 2001, n. 62 Informazioni legali e condizioni di utilizzo.
P.IVA: IT02492730813
Informazioni legali e condizioni di utilizzo - I contenuti del presente sito appartengono all'Associazione Culturale L'Araba Fenice.
credits: mblabs.net

Torna SU