Sambuca. Domani il convegno su “La cultura del vino nelle antiche frontiere mediterranee”

Sambuca. Domani il convegno su “La cultura del vino nelle antiche frontiere mediterranee”

Venerdì 10 aprile, a Sambuca di Sicilia si svolgerà un evento culturale intrigante e fascinoso. In quel territorio sud-occidentale dell’Isola dove si è sperimentato il forte processo di innovazione della vitivinicoltura siciliana e che produce oltre il 50% del vino siciliano che viene esportato nel mondo, oggi ci si propone di recuperare il legame con la storia millenaria di Selinunte. Anche allora era la ricchezza dell’agricoltura e delle produzioni agricole del vino, dell’olio e del grano (la “triade mediterranea” di cui scriveva F. Braudel) ad assicurare le risorse che hanno consentito di costruire quelle grandi architetture dei templi che hanno sfidato i secoli e reso grande il nome della città di Selinunte nel Mediterraneo antico.

Il convegno su “La cultura del vino nelle antiche frontiere mediterranee” avrà luogo a Palazzo Panitteri, che ospita il Museo archeologico e la Mostra “Il Salinas a Sambuca” con bellissime testimonianze di ceramica greca e raffigurazioni di Demetra e  Dioniso dell’antica colonia selinuntina di Monte Adranone. Si inquadra nell’ambito del progetto MAGON -“Le chemin de la vigne mèditerranéen sur le traces de Magon entre la Sicile et la Tunisie”- cofinanziato  nell’ambito del programma di cooperazione transfrontaliera Italia-Tunisia che prevede la realizzazione di un circuito turistico-culturale transfrontaliero basato sulla valorizzazione combinata del patrimonio archeologico, della cultura del vino e delle tradizioni enogastronomiche mediterranee.

Il circuito turistico culturale “Iter Vitis - Magon”, promosso dall’Associazione Strada del Vino Terre Sicane e dalla Chambre des producteurs des vins” della Tunisia, promuoverà il territorio vitivinicolo dell’antica Chora di Selinunte e, insieme, il territorio tra Cartagine a Kerkouane (siti archeologici riconosciuti dall’UNESCO come patrimonio dell’umanità), caratterizzato dalle più rinomate zone AOC della Tunisia.
La giornata di lavori, coordinata dal responsabile del progetto MAGON, il dott. F.Aurelio Coppola, sarà aperta dal saluto del giovane e dinamico Sindaco di Sambuca di Sicilia, Leo Ciaccio.

La “chiave culturale” del circuito turistico verrà presentata dagli interventi del ricco parterre di archeologi e studiosi: il prof. G. Forni, che  presenterà la figura dell’agronomo cartaginese Magon, il prof. Attilio Scienza - dell’Università di Milano, la dott.ssa C. Greco - Soprintendente per i beni culturali e ambientali di Agrigento, la dott.ssa F. Spatafora - Direttore del Museo archeologico regionale A. Salinas di Palermo, l’archeologo tunisino M. Fantar  e il dott. G. Leto Barone – Direttore del parco archeologico di Selinunte, il quale presenterà il progetto di realizzazione di un vigneto didattico nell’antica città di Selinunte.

Il tema dell’enoturismo e del patrimonio di biodiversità vitivinicola sarà sviluppato negli interventi di Marilena Barbera – viticultore/Presidente della Strada del Vino Terre Sicane,  F. Gagliano - dell’Assessorato regionale all’Agricoltura, dai rappresentanti delle Cantine Donnafugata, Feudo Arancio, Planeta e Settesoli, oltre che dal partner tunisino M. Ben Cheick – viticultore/Presidente della Chambre des producteurs des vins.
Dopo la visita al Museo archeologico di Palazzo Panitteri, nel pomeriggio i lavori proseguiranno con un dibattito sulle “scelte strategiche per lo sviluppo nella dimensione mediterranea”, che verrà introdotto da una comunicazione della dott.ssa P. Casavola – del Ministero dello Sviluppo Economico. Parteciperanno alla discussione l’on. Gea Schirò - parlamentare PD della Commissione esteri della Camera, Dario Cartabellotta – responsabile unico del Cluster BioMediterraneo Expo 2015, l’Autorità di Gestione del Programma Italia-Tunisia e l’Assessore regionale per i beni culturali e ambientali, il prof. Antonio Purpura.

Belicenews su Facebook
ARGOMENTI RECENTI
ABOUT

Il presente sito, pubblicato all'indirizzo www.belicenews.it è soggetto ad aggiornamenti non periodici e non rientra nella categoria del prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare come stabilito dalla Legge 7 marzo 2001, n. 62 Informazioni legali e condizioni di utilizzo.
P.IVA: IT02492730813
Informazioni legali e condizioni di utilizzo - Per le tue segnalazioni, pubblicità e richieste contatta la Redazione al telefono +39 330 852963 Privacy
credits: mblabs.net

Torna SU