Giusy Buscemi protagonista della serie TV "Vanina", in onda dal 27 marzo su Canale 5

Immagine articolo: Giusy Buscemi protagonista della serie TV “Vanina“, in onda dal 27 marzo su Canale 5

Vi ritorna dopo un anno esatto dalla sua ultima apparizione  (30 marzo 2023 per la prima puntata di Un passo dal cielo 7).

Da dopodomani, mercoledì 27 marzo 2024, infatti, la vedremo impegnata nella nuova fiction: ”Vanina, un vicequestore a Catania” che andrà in onda, in prima serata, su Canale 5.

Giusy Buscemi, Miss Italia 2012,reciterà accanto a Giorgio Marchesi (hanno già lavorato, come “nemici”, assieme sul set di Un passo dal cielo, ora invece qui saranno “amici…”), per 4 puntate, da 100 minuti ciascuna. La prima puntata si intitola: ”Il Re del gelato”, poi “Sabbia Nera, la Logica della lampara, la Salita dei saponari”.

Giusy Buscemi Interpreterà il ruolo della poliziotta, nel lavoro tratto dalle opere di Cristina Cassar Scalia.

La fiction ha la regia di Davide Marengo, scritta da Leonardo Marini, è prodotta dalla Palomar con il sostegno di Sicilia Film Commission.

Abbiamo intervistato Giusy Buscemi, in esclusiva per il nostro giornale, a pochissimi giorni dalla messa in onda della fiction.

In questa nuova serie, sei protagonista femminile assoluta. Cosa hai provato durante le riprese e cosa provi adesso alla vigilia della messa in onda di Vanina, un vicequestore a Catania?

E’ stata una bellissima occasione per me-risponde Giusy Buscemi-potere indossare i panni di Vanina. So che ci sono tanti lettori dei romanzi di Cristina Cassar Scalia che non vedono l’ora di vedere a loro Vanina. Io ho amato tanto questo personaggio e non vedo l’ora di consegnarlo al pubblico”.

Questo tuo personaggio di vicequestore cosa ha in comune con i personaggi da te interpretati nelle precedenti fiction?

Vanina è sicuramente diversa da tutti i personaggi interpretati da me precedentemente”.

Ci sono affinità caratteriali, comportamentali tra Vanina nella fiction e Giusy Buscemi nella vita quotidiana?

In realtà è molo diversa a Giusy. E’ sregolata e istintiva. Lei dice Giusy Buscemi-ama definirsi come una che ”mangia come un maiale, fuma come un camino e beve come un cammello”. In realtà, nel corso delle puntate scopriamo che sta solo scappando, dal suo passato (sappiamo infatti che da giovanissima perde il padre a causa della mafia) e da se stessa”.

Per girare Vanina, hai dovuto rispolverare il tuo dialetto e accento siciliano?

Assolutamente si. Quando mi sono trasferita a Roma lo studio della dizione era stato fondamentale. Per interpretare Vanina adesso invece-evidenzia Giusy Buscemi-era necessario che parlasse in siciliano. Nei romanzi lei è dichiaratamente palermitana, in fase di sceneggiatura è stata raccontata una Vanina che è cresciuta a Palermo ma orientativamente utilizza un accento della Sicilia occidentale, anche per rimarcare - prosegue Buscemi - la differenza del siciliano stesso tra Sicilia occidentale e orientale. Ovvero Catania, dove si è appena trasferita.

Per te è stato davvero emozionante girare la fiction in Sicilia, soprattutto a Catania. Per la serie: dalle innevate montagne delle Dolomiti al rosso, fuoco del vulcano Etna?

E’ stato il mio primo set in Sicilia. Conoscevo poco Catania, ci sono sempre passata per pochissimo tempo. Venendo da una città di mare (Menfi)-sottolinea Giusy Buscemi-ho scoperto anche a “muntagna” come la chiamano i catanesi, ovvero l’Etna e la sabbia nera, raccontata anche nei gialli stessi. Catania è una città sempre in fermento, bellissima anche cinematograficamente e tutta da scoprire”.

Intanto, molti sono costretti, anche per questo lavoro, ad  uscire dalla Sicilia, vero?

Si, infatti-sottolinea Giusy Buscemi-è auspicabile che presto chi vive in Sicilia e vuole fare carriera non solo come attore o attrice ma anche come sarto, fonico, truccatore etc, non abbia più bisogno di emigrare ma possa fare questi mestieri restando in Sicilia”.

La tua famiglia ti ha dato una grossa mano per consentirti di girare la serie?

Assolutamente si-rimarca Buscemi- mia madre ha accudito i miei figli ad inizio riprese a Catania. Poi quando è cominciato il caldo, in estate ho lasciato i bambini a casa di mia madre a Menfi. Tornavo il fine settimana in macchina, ci mettevo oltre tre ore”.

Pienamente soddisfatta del cast e della regia di Davide Marengo?

Davide è un regista eccezionale-risponde Giusy Buscemi-aveva le idee chiare su quello che desiderava ma alo stesso tempo ci lasciava liberi di poter proporre spunti sempre nuovi per i nostri personaggi. Ho trovato anche degli attori bravissimi, da Claudio Castrogiovanni, Spanò braccio destro di Vanina, ai ragazzi della squadra, ai migliori amici di Vanina”.

Il prossimo tuo impegno, ritorno in RAI, in “A un passo dal cielo 8”?

Si, torno sul set a maggio. Nel frattempo-risponde Giusy Buscemi-mi dedico alla famiglia, che ha bisogno anche dei propri tempi”. 

Il cast di “Vanina, un Vicequestore a Catania” è composto da: Giusy Buscemi (Vanina), Giorgio Marchesi (Paolo Malfitano), Maurizio Marchetti (Il commissario Patanè), Claudio Castrogiovanni (Carmelo Spanò ispettore capo),Corrado Fortuna (Manfredi Monterreale), Dajana Roncione (Avvocato Giuli De Rosa), Orlando Cinque (Tito Macchia), Danilo Arena (agente Salvatore Lo Faro), Paola Giannini ( ispettrice Marta Bonazzoli), Giulio Della Monica (sovrintendente Mimmo Nunnari), Alessandro Lui (medico legale Adriano Calì), Guia Jelo (Bettina).

 

RATING

COMMENTI

Condividi su

    Belicenews su Facebook
    ARGOMENTI RECENTI
    ABOUT

    Il presente sito, pubblicato all'indirizzo www.belicenews.it è soggetto ad aggiornamenti non periodici e non rientra nella categoria del prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare come stabilito dalla Legge 7 marzo 2001, n. 62 Informazioni legali e condizioni di utilizzo.
    P.IVA: IT02492730813
    Informazioni legali e condizioni di utilizzo - Per le tue segnalazioni, pubblicità e richieste contatta la Redazione al telefono +39 344 222 1872
    Privacy PolicyCookie Policy
    credits: mblabs.net