Giovani arbitri aggrediti e il campo sportivo diventa terra di battaglia. Cosa sta diventando lo sport?

Immagine articolo: Giovani arbitri aggrediti e il campo sportivo diventa terra di battaglia. Cosa sta diventando lo sport?

Nel Lazio un giovanissimo arbitro che stava dirigendo un incontro di calcio dilettantistico, è stato aggredito e malmenato da alcuni "tifosi" facinorosi ed ha dovuto ricorrere alle cure dei sanitari che lo hanno giudicato guaribile in 10 giorni. E' l'ennesimo episodio uno dei tanti di violenza gratuita, bestiale e assurda cui assistiamo ormai sempre più spesso specie nei campi dilettantistici dove dovrebbe trionfare lo sport di decubertiana memoria. Invece si è costretti ad essere spettatori di vere e propie aggressioni, di risse indecenti, di offese scurrili e incivili che trasformano un rettangolo di gioco in un inferno, quasi in un campo di battaglia, dove si perde il controllo dei propri freni inibitori, trasformando il tifoso in un vero e proprio delinquente. Ho visionato su internet molti altri episodi in cui arbitro e giocatori hanno anche rischiato la vita, spesso costretti a ricorerre alle cure dei sanitari con prognosi che arrivano anche ai trenta e quaranta giorni.

La situazione diventa poi drammatica se si pensa che anche nei tornei giovanili sono frequentissimi gli episodi di violenza tra i genitori oltre che tra i piccoli calciatori. Io credo che gli organi federali e le istituzioni che governano il calcio a tutti i livelli dovrebbero adottare misure severissime che prevedano perfino la radiazione della società, dei giocatori e di quanti orbitano nel mondo del pallone.Occorrono pene esemplari sia sotto l'aspetto della disciplina sportiva, sia sotto il profilo giudiziario penale e civile. Debbono essere inasprite le pene anche per chi insulta, offende, esprime espressioni scurrili, tenuto conto che tra quella massa di gente assolutamente fuori controllo ci sono bambini, donne e anche anziani. Bisogna andare allo Stadio sicuri di andare a vedere uno spettacolo e lo spettacolo non lo fa solo la squadra di casa ma anche quella avversaria che merita rispetto e,se superiore, i giusti applausi.

Chi offende non vada più allo stadio, chi aggredisce venga radiato, chi violenta sia arrestato e severamente punito. Il calcio è uno degli sport spettacolo più belli in assoluto. La violenza sempre crescente e l'aberrazione ormai dilagante lo stanno trasformando in una indegna gazzarra.

RATING

COMMENTI

Condividi su

Belicenews su Facebook
ARGOMENTI RECENTI
ABOUT

Il presente sito, pubblicato all'indirizzo www.belicenews.it è soggetto ad aggiornamenti non periodici e non rientra nella categoria del prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare come stabilito dalla Legge 7 marzo 2001, n. 62 Informazioni legali e condizioni di utilizzo.
P.IVA: IT02492730813
Informazioni legali e condizioni di utilizzo - Per le tue segnalazioni, pubblicità e richieste contatta la Redazione al telefono +39 330 852963 Privacy
credits: mblabs.net

Torna SU